Cerca

Un Novoli calcio da... sogno nell’Almanacco

di DINO LEVANTE
Di loro si ricordano solo i cognomi, mai i nomi. Identità però destinate a rimanere nella memoria più remota, quella giovanile e infantile, quella che difficilmente si cancella con gli anni. Sono i giocatori di football, i calciatori conosciuti realmente dagli spalti guardando il terreno di gioco in terra battuta e segnato dalle strisce bianche di calce e dal sudore. Così ritornano alla mente alcune formazioni
Un Novoli calcio da... sogno nell’Almanacco
di DINO LEVANTE
Di loro si ricordano solo i cognomi, mai i nomi. Identità però destinate a rimanere nella memoria più remota, quella giovanile e infantile, quella che difficilmente si cancella con gli anni. Sono i giocatori di football, i calciatori conosciuti realmente dagli spalti guardando il terreno di gioco in terra battuta e segnato dalle strisce bianche di calce e dal sudore. Così ritornano alla mente alcune formazioni con Gosparini, Antoniazzi, Zuccalli, Bizai, Busilacchi, Clementi, Pappalettera, Bellotti, Dolcetto, Giovannini, Buonfrate, Ieraci, Manfredini, Daccico, Maccagni, Magris, Manzella, Morganelli, Fiaschi, Degni, Sani, Regalia e poi quelli dei presidenti, dei medici sportivi e dei dirigenti della squadra del cuore. Sono tante le emozioni che sollecita il libro di Vincenzo Sebaste «L’almanacco. La storia del Novoli Calcio» (578 pagine, per informazioni consultare il sito www.asdnovolicalcio.it), che sarà presentato domani sera, alle 19, nel Teatro comunale (in piazza Regina Margherita) a Novoli.

Ad illustrare il primo dei tre volumi in programma sulla gloriosa storia del calcio novolese, oltre all’autore, saranno lo staff tecnico dell’Associazione sportiva dilettantistica rossoblù, guidato dal presidente Nino Sebaste e la rosa degli attuali giocatori. Modererà gli interventi il telecronista di Eurosport raffaele Pappadà Tra gli altri, hanno assicurato la loro presenza alcuni giocatori dello storico undici del Novoli: Calabrese, Cannone, D’Ambrosio, De Falco, De Luca, Greco, Ingrosso, Leone, Magaletti, Pecoraro, Perrone, Rucco, Ruggio, Scardia, Solazzo, Vetrugno e i familiari dei fratelli Beppe ed Elio Valentini, presidente in serie D il primo e giocatore di grazia il secondo. Sebaste, ingegnere a Milano, spinto dalla curiosità e dalla passione di famiglia (è figlio del presidente), ha consultato le raccolte dei giornali nazionali e locali con lo scopo principale di rintracciare le notizie sulla tradizione calcistica novolese che portò la squadra salentina alla ribalta nazionale specialmente negli anni della Serie D.

Nel volume sono raccolte le cronache delle partire giocate in casa e fuori casa dal Novoli, con tanto di classifiche e foto, partendo dai primi passi: dall’antica «Achille Starace» (nata dal Circolo filodrammatico giovanile della Società operaia di mutuo soccorso), passando ai tornei Propaganda, ai campionati regionali organizzati dalla Figc nel 1942-43, ai campionati di Seconda divisione 1948-49, di Prima divisione dal 1949-50 al 1957-58, alla parentesi in Campionato dilettanti nel 1958-59, nel ritorno in Prima divisione dal 1959-60 al 1963-64. Giungono poi gli anni della Serie D, dal 1964-65 al 1966-67, anno nel quale si giocarono le indimenticabili partite con la Nazionale under 23 della Romania e con il Milan, persa 9 a 2. Quarant’anni di calcio e di tifo riemersi da oltre cinquemila articoli tra «La Gazzetta del Mezzogiorno» e «La Gazzetta dello sport». Un Novoli da scoprire e da riamare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400