Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 06:03

Motomondiale - Hayden corre verso il titolo. Rossi a secco

MotoGP: lo statunitense bissa il successo del 2005 e vince sul circuito di casa a Laguna Seca consolidando la prima posizione in classifica grazie alla seconda vittoria della stagione, la terza in carriera. Rossi, tradito dalla Yamaha, si ferma ed ora ha 51 punti da recuperare a sei gare dal termine
LAGUNA SECA (USA) - Nicky Hayden, sempre più "mostro della laguna", bissa il successo del 2005 e vince sul circuito di Laguna Seca, consolidando la prima posizione in classifica grazie alla seconda vittoria della stagione, la terza in carriera.
Non riesce a ripetere l'impresa del Sachsenring Valentino Rossi (ora staccato di 51 punti dalla vetta). In Germania era partito 11/o per tagliare il traguardo primo. Qui il pesarese, 10/o al via, è capace di risalire fino alla quarta posizione a quattro giri dalla fine. Poi, improvvisamente tradito dalla sua Yamaha, viene prima superato da diversi avversari, quindi si deve fermare a poche curve dall'arrivo. La prima impressione è che abbia ceduto il motore, che ha cominciato a fumare.
Bene Dani Pedrosa, esordiente su questa pista, anche lui in sella alla Honda del team Repsol come Hayden, giunto secondo al termine. Bene anche Marco Melandri, terzo, dopo una lunga battaglia con Rossi.
In ombra le Ducati gommate Bridgestone, con Loris Capirossi ottavo e Sete Gibernau decimo.

«E' stato un fine settimana di difficoltà». Valentino Rossi esprime tutto il suo rammarico per il ritiro. «Con il caldo la moto era difficile da guidare - spiega il campione del mondo della MotoGp -. La gomma posteriore è andata presto in crisi. Potevo comunque finire quinto o sesto, anche se perdevo dei pezzi di pneumatico. Ma poi è salita la temperatura dell'acqua ed a quel punto non ci ho potuto più fare nulla».
Ora, con sei sole gare ancora da disputare, la rincorsa allo statunitense è sempre più dura. «Così sarà molto difficile - ammette Rossi - però non sono i 51 punti di distacco a preoccuparmi, ma le nostre prestazioni. Certo che quest'anno siamo molto, molto sfortunati. Peccato».

Ordine d'arrivo del gp degli Usa di motociclismo, 11ª prova del mondiale, classe MotoGp

1. Nicky Hayden (Usa-Honda) 45'04.867
2. Dani Pedrosa (Spa-Honda) 45'08.053
3. Marco Melandri (Ita-Honda) 45'15.796
4. Kenny Roberts Jr. (Usa-KR211V) 45'16.808
5. Chris Vermeulen (Aus-Suzuki) 45'32.306
6. John Hopkins (Usa-Suzuki) 45'43.687
7. Carlos Checa (Spa-Yamaha) 45'49.692
8. Loris Capirossi (Ita-Ducati) 45'53.393
9. Colin Edwards (Usa-Yamaha) 45'58.095
10. Sete Gibernau (Spa-Ducati) 46'11.146
11. Makoto Tamada (Gia-Honda) 46'16.808
12. Randy de Puniet (Fra-Kawasaki) 46'19.274
13. James Ellison (Gbr-Yamaha) 46'24.150
14. Alex Hofmann (Ger-Ducati) 46'46.144
15. Toni Elias (Spa-Honda) ad un giro

Classifica piloti

1. Nicky Hayden (Usa-Honda) 194 punti
2. Dani Pedrosa (Spa-Honda) 160
3. Marco Melandri (Ita-Honda) 150
4. Valentino Rossi (Ita-Yamaha) 143
5. Loris Capirossi (Ita-Ducati) 126
6. Casey Stoner (Aus-Honda) 91
7. Colin Edwards (Usa-Yamaha) 84
8. Kenny Roberts Jr. (Usa-KR211V) 79
9. John Hopkins (Usa-Suzuki) 74
10. Shinya Nakano (Gia-Kawasaki) 67
11. Makoto Tamada (Gia-Honda) 64
12. Toni Elias (Spa-Honda) 59
13. Sete Gibernau (Spa-Ducati) 58
14. Chris Vermeulen (Aus-Suzuki) 57
15. Carlos Checa (Spa-Yamaha) 53
16. Alex Hofmann (Ger-Ducati) 21
17. Randy de Puniet (Fra-Kawasaki) 21
18. James Ellison (Gbr-Yamaha) 20
19. Jose Luis Cardoso (Spa-Ducati) 8

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione