Cerca

La tappa brindisina dei podisti «solidali»

BRINDISI - Ieri mattina, alle ore 11,00 nella Sala della Colonna a Palazzo Nervegna a Brindisi, l’Assessore allo Sport e Politiche giovanili Antonio Giunta ha accolto i due podisti italo albanesi Edison Lama e Laert Mezani della squadra “Peoples Runners” sostenuta dall’azienda Criman di Correggio (Reggio Emilia). I “Peoples Runners Criman” hanno consegnato, in una cerimonia molto significativa e ricca di contenuti, all'Assessore Giunta una copia della Maglia del Dialogo sottoscritta da personalità e Premi Nobel per la Pace
La tappa brindisina dei podisti «solidali»
BRINDISI - Ieri mattina, alle ore 11,00 nella Sala della Colonna a Palazzo Nervegna a Brindisi, l’Assessore allo Sport e Politiche giovanili Antonio Giunta ha accolto i due podisti italo albanesi Edison Lama e Laert Mezani della squadra “Peoples Runners” sostenuta dall’azienda Criman di Correggio (Reggio Emilia). I “Peoples Runners Criman” hanno consegnato, in una cerimonia molto significativa e ricca di contenuti, all'Assessore Giunta una copia della Maglia del Dialogo sottoscritta da personalità e Premi Nobel per la Pace.

L’iniziativa, organizzata dall’Associazione italiana Agorà e dalla sua Presidentessa Arta Apostoli, si inserisce nel progetto dell’Associazione di realizzare il “Museo Internazionale Madre Teresa” e fa capo ad una più ampia e articolata attività volta all’incontro tra culture e religione diverse, “Progetto Dialogo” (www.pro gettodialogo. it).
I “Peoples Runners Criman” giungono a Brindisi dopo una staffetta che è iniziata a Reggio Emilia e ha attraversato l’Italia, da nord a sud. Proseguiranno poi per Durazzo e Tirana, dove consegneranno la maglia originale all’inaugu - razione della grande mostra su Madre Teresa, organizzata in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura in occasione del decennale della beatificazione (2003-2013). L’idea che verrà proposta dall’Associazione alle autorità albanesi, è di far diventare l’esposizione permanente, in modo da costituire il primo nucleo di un grande progetto, il Museo Internazionale dedicato a questa grande figura (www.museomadreteresa.it).

Si tratta di un rilevante progetto di cooperazione italo-albanese a cui aderiscono il Segretariato dei Premi Nobel per la Pace, il Vaticano e numerosi Comuni e istituzioni italiane: la mostra verrà inaugurata giovedì 19 Dicembre presso l’Istituto Italiano di Cultura di Tirana alla presenza della stampa e di autorità italiane e albanesi. La staffetta podistica rappresenta un forte simbolo di unità delle due sponde del Mediterraneo sul grande messaggio di Madre Teresa, e il progetto di Museo internazionale prevede di dedicare una sezione alle città che vi hanno aderito e lo hanno sostenuto in varie forme: fra queste, con l’accoglienza della Maglia del Dialogo, vi sarà anche Brindisi. La città avrà un posto nel Museo Internazionale dedicato a una delle più grandi figure del ‘900, immagine essa stessa del dialogo e dell’accoglienza: ecco perché l’incontro di giovedì non ha solo un valore simbolico, ma anche un preciso significato che aggiunge concretezza all’obiettivo di essere davvero “Porta d’Oriente”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400