Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 14:54

Formula 1 - Alonso "re" del Canada

L'asso della Renault si consolida alla testa della classifica della Stagione 2006, trionfando anche al Gp di Montreal. La Ferrari di Schumi seconda, 3° Raikkonen con la McLaren-Mercedes • Il calendario dei prossimi Gran premi
Formula 1 Fernando Alonso - Renault MONTREAL (Canada) - Fernando Alonso ha vinto il Gp del Canada. Sul podio con lo spagnolo della Renault Michael Schumacher, secondo con la Ferrari, e Kimi Raikkonen, terzo con la McLaren-Mercedes.

- Sotto gli occhi canadesi di Sergio Marchionne, Michael Schumacher in Canada dal secondo gradino del podio dice addio ai bei sogni di gloria. Lui che della formula è stato il re s'inchina anche per il 2006 a colui che del gran circo è il nuovo indiscusso leader: Fernando Alonso.
Anche a Montreal lo spagnolo ha fatto vedere chi è il più forte: pole al sabato (la 5ª consecutiva), vittoria la domenica (la 4ª consecutiva). Come già a Silverstone, così anche in Canada primo dalla partenza all'arrivo, senza una sbavatura, senza una flessione. Per lui quella di Montreal è stata la 6ª vittoria su 9 gare (e nelle altre tre è arrivato 2°), la 4ª consecutiva, la 14ª in carriera.
Numeri da capogiro per uno che si accinge a diventare per la seconda volta campione del mondo e che ha 24 anni. Solo Raikkonen in Canada ha cercato di resistergli, ma al penultimo giro ha sbagliato il tornante e ha consentito a Schumi di superarlo. Michael Schumacher - data la situazione - più di così non poteva fare: podio per lui. Ma con un distacco che invece di ridursi sale a 25 punti (84 contro 59) può dire addio al mondiale.

Così è finito il gran premio del Canada, che a Montreal come da tradizione ha riservato ancora una volta colpi di scena a ripetizione. Alla partenza, giusto il tempo di un paio di curve ed ecco i primi tre: Fisichella, che scatta dalla prima fila, anticipa la partenza e verrà per questo penalizzato al 7° giro con un passaggio dal box che lo condannerà al 4° posto; Schumacher, partito 5°, viene superato da Rosberg e Montoya che ingaggiano un insensato duello al punto da arrivare a toccarsi. Il colombiano prima costringe Schumi a passare sul prato, poi prende a sportellate la Williams di Rosberg. Rosberg finisce la sua gara contro il muretto di «Bonjour Quebec», Montoya la finirà invece al 14° contro l'altro muretto, quello di «Bienvenue en Quebec». Fine, per lui, di una pessima gara. L'insensata manovra di Montoya porta Schumacher a scivolare in partenza dal 5° al 7° posto, per poi recuperarli nello spazio di mezzo giro con l'entrata in pista della safety car, che resta in pista due giri, e quando esce la situazione è questa: Alonso saldamente in testa a mettere a segno un giro veloce dietro l'altro, tallonato dalla McLaren di Raikkonen. Trulli terzo e Schumacher quarto a inseguire a una decina di secondi, e Fisichella (che era 3° dopo la partenza), costretto in 5ª posizione nonostante la sua Renault sia visibilmente più veloce delle vetture che la precedono.

Mentre la Toyota di Trulli ha un effetto "tappo" su Schumacher, che perde via via secondi preziosi sulla coppia di testa, là davanti Alonso e Raikkonen duellano a colpi di giri veloci. Senonchè il finlandese, che al 23° giro passa in testa per la sosta dello spagnolo (8,1 per lui), perde la gara per colpa della squadra: si ferma al 25° giro dopo aver messo a segno la tornata più veloce, ma i meccanici lo tengono fermo ben 126 secondi e quel che è peggio non riescono a sostituirgli la gomma posteriore destra.
Raikkonen rientra i pista con tre gomme nuove e una vecchia, e soprattutto con Alonso di nuovo lontano di circa 4». Ne approfitta Schumacher, che prima supera Trulli (24° giro) poi riduce il distacco da Raikkonen fino a portarsi a ridosso del finlandese. Alla sue spalle invece Felipe Massa con l'altra Ferrari pur essendo partito male (10ª posizione) risale via via fino al quinto posto guidando magistralmente una Ferrari molto carica di benzina.
A dieci giri dalla fine l'ultimo colpo di scena: Villeneuve perde il controllo della sua Bmw alla curva 7 e va a sbattere contro la barriera. Safety car per la seconda volta in pista e distacchi di fatto annullati. Ne approfitta Schumi, che scavalca Raikkonen. Dopo i primi tre, a punti nell'ordine anche Fisichella (4°), Massa (5°), Trulli (6°), Heidfeld (7°) e Coulthard (8°).
Luciano Clerico

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione