Cerca

Mennea escluso da Hall of Fame La Fidal protesta

ROMA – "Stiamo inviando una lettera, senza intenti polemici, al presidente della Iaaf, per manifestare la nostra amarezza rispetto all’accaduto. Il nostro vuole essere un invito a riprendere in considerazione nell’imminente futuro questa decisione che, purtroppo, cade a soli otto mesi dalla scomparsa di Mennea". Lo ha detto il presidente della Fidal, Alfio Giomi, commentando la notizia del mancato inserimento del velocista barlettano nella Hall of fame dell’atletica mondiale, decretata ieri dal Council Iaaf, a Montecarlo
Mennea escluso da Hall of Fame La Fidal protesta
ROMA – "Stiamo inviando una lettera, senza intenti polemici, al presidente della Iaaf, per manifestare la nostra amarezza rispetto all’accaduto. Il nostro vuole essere un invito a riprendere in considerazione nell’imminente futuro questa decisione che, purtroppo, cade a soli otto mesi dalla scomparsa di Mennea". Lo ha detto il presidente della Fidal, Alfio Giomi, commentando la notizia del mancato inserimento del velocista barlettano nella Hall of fame dell’atletica mondiale, decretata ieri dal Council Iaaf, a Montecarlo. Secondo la federazione internazionale occorrono dei requisiti, come la vittoria di almeno due medaglie d’oro, tra Olimpiadi o Mondiali (ulteriore requisito è il conseguimento di un primato del mondo).

"Mennea è stato un uomo indimenticabile, che tanto ha saputo dare ben oltre l’atletica e che per questo merita un posto tra i più grandi di sempre – ha aggiunto Giomi -. Rispettiamo le regole, ma questa 'strettà prettamente formale, che la Iaaf ha voluto applicare per Mennea, a nostro avviso, non tiene del tutto conto dell’arco temporale nel quale si è sviluppata la carriera del campione azzurro".

"La 'Freccia del sud’appartiene a una generazione di atleti che, per motivi prima di tutto anagrafici, ha conosciuto il suo culmine in un periodo precedente all’istituzione della rassegna iridata", ha concluso.- ROMA, 15 NOV – La 'Hall of Famè ufficiale dell’atletica è stata istituita dalla Iaaf l’anno scorso, in occasione del centenario della federazione internazionale. Vi sono stati ammessi 24 campioni del passato, ai quali si aggiungeranno i 12 che il Consiglio della Iaaf ha scelto ieri. Si tratta di Harrison Dillard, Marjorie Jackson, Hannes Kolehmainen, Natalya Lisovskaya, Svetlana Masterkova, Noureddine Morceli, Parry O'Brien, Marie-Josè Perec, Viktor Saneyev, Yuriy Sedykh, Daley Thompson e Grete Waitz.

Manca quindi Pietro Mennea e ciò ha provocato l’amarezza della Fida, sorpresa dalla decisione dei dirigenti internazionali, spingendo il presidente Giomi a scrivere al suo omonimo a livello mondiale, Lamine Diack.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400