Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 18:40

Calcio/Mondiale - Francia in disarmo: 0-0 con la Svizzera

Vincono il caldo a 31 gradi, l'usura dei francesi e la sfortuna degli svizzeri: risultato un pareggio a reti inviolate che sta stretto agli elvetici, che hanno colpito un palo e hanno avuto l'occasione piu importante per vincere con Gygax • Anche il Brasile delude, ma vince con Kakà
STOCCARDA - Vincono il caldo a 31 gradi, l'usura dei francesi e la sfortuna degli svizzeri: risultato uno 0-0 che sta stretto agli elvetici, che hanno colpito un palo e hanno avuto l'occasione piu importante per vincere con Gygax. Decisamente male la Francia, con un Zidane che aspetta solo di appendere al chiodo gli scarpini, un Ribery (l uomo nuovo) che vuole strafare ma non combina nulla. Gli ex campioni del mondo sono anziani, usurati e nervosi, Thierry Henry da solo fa quello che puo e il lavoro del ct Domenech non ha dato ne smalto ne idee chiare alla squadra.
Sospinti da un pubblico per due terzi tutto in rosso, che hanno ininterrottamente sostenuto la Nati (nomignolo che danno nei cori alla nazionale svizzera), i giocatori dell esperto Kuhn hanno tenuto in scacco gli ex celebrati campioni cosi come era successo sia agli europei del 2004, sia nelle eliminatorie mondiali. Non solo, ma approfittando di una Francia spenta, dopo una ventina di minuti hanno capito che ci potevano provare e hanno aggredito i Bleu, schierati in campo con un 4-5-1 inedito: fuori Trezeguet, dentro il marsigliese Ribery (detto Scarface per il volto pieno di cicatrici dovute a un incidente da bambino).
Con il caldo a incombere sui 22 in campo e sugli spettatori (morto per malore un francese di 49 anni prima del match) si comincia, davanti al primo ministro francese Dominique de Villepin (il presidente Chirac e davanti alla tv all Eliseo dopo aver annullato tutti gli impegni) a un ritmo da riprese in bianco e nero, lento e senza nessuno scatto in profondita . Il primo tiro, da lontano, e di Tranquillo Barnetta, stantuffo di centrocampo che si rivelera il migliore dei suoi. Tre minuti dopo un cross di Henry attraversa invano lo specchio della porta elvetica. Al 23 punizione di Barnetta, Frei lasciato in gioco da Thuram tenta di toccare di testa ma non sfiora il pallone che finisce sul palo a Barthez battuto. Anche la Francia ha la sua occasione, che scaturisce da un liscio di Senderos che da il via libera a Ribery e poi Henry ma il tiro dell attaccante dell Arsenal finisce sulla mano (forse involontaria) di Muller. Nel secondo tempo, la Francia peggiore: fiacca, abulica e senza mordente, tanto che Zidane, che si isola spesso sulla sinistra in attesa del pallone, tenta almeno di incitare i tifosi. Al 14' Senderos si guadagna la serata salvando su Henry lanciato a rete, dall'altra parte lo imita tre minuti dopo Abidal che intercetta un tiro a botta sicura di Barnetta. Ma è al 20' che la Svizzera vede infrangersi i suoi sogni: entrato al posto di uno dei due spenti attaccanti, Streller, il più fresco Gygax sfiora di testa un cross e Barthez, accecato dal sole, deve uscire alla cieca e con esperienza. Pur goffamente, il portiere dei mondiali del '98 salva la partita. Prima della fine, che tutti aspettano con ansia vista la fatica in campo, c'è spazio per un'occasione per parte con Dhorasoo, che ha giocato pochi minuti, e con il deludente Frei che non arriva di testa su una punizione e tocca la palla di mano facendosi ammonire.
Finale che sta stretto agli svizzeri, Francia da rifare ancora una volta. Il modulo non ha convinto, giocatori come Vieira e Zidane danno ormai quello che possono e i giovani - Ribery in testa - non paiono ancora al livello di assumersi responsabilità importanti. Ora, nel girone forse più facile del mondiale, è in testa la Corea del Sud.
Tullio Giannotti


I TABELLINI DI FRANCIA-SVIZZERA 0-0
I tabellini di Francia-Germania, gruppo G:

Francia: Fabien Barthez - Willy Sagnol, Lilian
Thuram, William Gallas, Eric Abidal - Patrick Vieira, Claude
Makelele - Sylvain Wiltord (Vikash Dhorasoo 84), Zinedine
Zidane (cap), Franck Ribery (Louis Saha 70) - Thierry Henry
Svizzera: Pascal Zuberbuhler - Philipp Degen, Patrick
Muller (Johan Djourou 75), Philippe Senderos, Ludovic Magnin -
Tranquillo Barnetta, Ricardo Cabanas, Johann Vogel (cap),
Raphael Wicky (Xavier Margairaz 82) - Marco Streller (Daniel
Gygax 57), Alexander Frei
abritro: V. Ivanov (Russia)
note: ammoniti, Ludovic Magnin, Tranquillo Barnetta,
Philipp Degen, Ricardo Cabanas, Alexander Frei, Eric Abidal,
Zinedine Zidane, Willy Sagnol; spettatori, 52.000.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione