Mercoledì 15 Agosto 2018 | 17:12

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Calcio/Passaporti - Assolti Cafu e Sensi

Il presidente della Roma, il difensore brasiliano e l'attaccante argentino Gustavo Bartelt sono stati assolti oggi dal tribunale di Roma per le presunte irregolarità legate alla naturalizzazione dei due calciatori nel periodo in cui militavano nella società giallorossa
ROMA - Il presidente della Roma Franco Sensi, il difensore brasiliano Cafu e l'attaccante argentino Gustavo Bartelt sono stati assolti oggi dal tribunale di Roma per le presunte irregolarità legate alla naturalizzazione dei due calciatori nel periodo in cui militavano nella società giallorossa.
La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico Enrico Giallucci. Sensi, Cafu e Bartelt sono stati assolti dalle accuse di falso con le formule «il fatto non sussiste» o «per non aver commesso il fatto».
Il processo ha riguardato irregolarità relative alle procedure di naturalizzazione di diversi calciatori. Per quanto riguarda Bartelt, il cui passaporto italiano era evidentemente originato da irregolarità, è stato condannato il padre del calciatore, Oscar Bartelt, ad un anno di reclusione (pena sospesa). Altri due calciatori che hanno militato nel campionato italiano, Mauricio Hector Pineda e Mauro Esteban Navas, sono stati condannati ad 8 mesi di reclusione.
Alla traduttrice argentina, Maria Elena Tedaldi, impiegata in uno studio legale di Buenos Aires, sono stati inflitti due anni e 6 mesi di reclusione, mentre l'impiegato del Consolato italiano di San Isidro, Gabriele Graco, è stato condannato a due anni e 3 mesi di reclusione.
Assolti tutti gli altri imputati del processo: oltre a Sensi, Cafu e Bartelt, anche Regina Feliciano, moglie di Cafu, Cristoforo Colombo, procuratore brasiliano, Rosangela Monteiro, dipendente della Roma, Sergio Carulli, funzionario del Comune di Roma, Jorge Roberto Quinteros, calciatore sudamericano così come Celso Ayala. Assolti, inoltre, Enrico Meauro, vice console italiano di San Isidro, Ilario Camaiani, collaboratore della Tedaldi, Giuseppe Lucisano e Sergio Meattaa, funzionari comunali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Foggia da lavori in corsoNeamber al rush finale

Foggia da lavori in corso
Neamber al rush finale

 
Lecce cerca i tasselli giustiBovo certezza per la difesa

Lecce cerca i tasselli giusti
Bovo certezza per la difesa

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS