Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 05:41

Calcio - Bozzo: «Cassano non si muove dal Real Madrid»

L'agente del calciatore: «Al Milan? Sono indiscrezioni giornalistiche. Può anche esserci l'interessamento dell'Inter piuttosto che del Milan, ma manca la volontà di Antonio di rientrare in Italia in questo momento». A luglio, però, il club spagnolo avrà un nuovo presidente… Si deciderà in quel momento
MADRID (SPAGNA) - «Cassano al Milan? Sono indiscrezioni giornalistiche. Io non ho parlato con loro, ma ribadisco che la volontà di Antonio è di non lasciare Madrid». Il procuratore del campione di Bari vecchia, Giuseppe Bozzo, chiude la porte su un possibile arrivo in rossonero del suo pupillo. «A questo momento - continua - non si è verificato nessun passo da parte di nessuna squadra. Comunque, può anche esserci l'interessamento dell'Inter piuttosto che del Milan, ma manca la volontà di Antonio di rientrare in Italia in questo momento».
A spingere Cassano a rimanere nel club blanco il fatto che «non gli è stata data ancora la possibilità di potersi esprimere per le sue potenzialità. Quando l'ha avuta, ha giocato piuttosto bene. Malgrado quello che possa aver scritto qualcuno. Ha giocato due volte titolare e contro l'Atletico è uscito tra gli applausi del Bernabeu dopo aver segnato un gol e propiziato il secondo. Le sue prestazioni sono state sempre buone e gli incontri che ho avuto un mese fa con la direttiva del Real mi hanno fatto apparire chiaro che loro sono assolutamente contenti del comportamento di Antonio. E di quello che è potuto essere il suo apporto. Loro ufficialmente non me l'hanno detto, ma ritengo che si aspettassero un maggior utilizzo dell'allenatore nei suoi confronti».
In effetti, Cassano non ha giocato molto rispetto alle attese di tanti suoi tifosi. «E' andata così - riconosce Bozzo - ma loro sono soddisfatti di come si è integrato nel gruppo. Cassano vuole aver la possibilità di dimostrare il suo valore, cosa che in tre mesi, tra mille problemi che ci sono stati anche a Madrid, non ha ancora potuto fare compiutamente. Sarebbe assurdo partire oggi, pur andando in una grande squadra come Milan o Inter, quando già sei al Real». A luglio, però, il Real Madrid avrà un nuovo presidente. «Parlo solo con i dati di fatto - replica l'agente dell'ex giallorosso - Al momento non incide il prossimo direttivo, né il futuro allenatore sulla volontà di Antonio, che ha ancora quattro anni di contratto. E intendi rispettarli. La volontà è questa e sarà difficile fargliela cambiare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione