Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 17:58

Gli Stati Uniti battono l'Angola di nascosto

Una partita senza pubblico e giornalisti, e con i giocatori a stelle e strisce senza nemmeno le maglie con i numeri per non farsi riconoscere. Strana amichevole quella di ieri degli Usa (1-0), organizzata in fretta dagli americani, avversari di girone degli azzurri, per non restare inattivi troppo a lungo
AMBURGO - Una partita senza pubblico e giornalisti, e con i giocatori a stelle e strisce senza nemmeno le maglie con i numeri per non farsi riconoscere. Strana amichevole quella di ieri degli Stati Uniti contro l'Angola nei sobborghi di Amburgo, sul campo dove normalmente gioca l'Amburgo SV. Una partita organizzata in fretta dagli americani, avversari di girone degli azzurri, per non restare inattivi troppo a lungo, prima dell'esordio al Mondiale contro la Repubblica ceca.
Una partitella dunque atipica, senza i crismi dell'ufficialità. La mancanza dei numeri di maglia ha contribuito ad alimentare le incertezze. L'unico punto fermo sembra essere il gol con cui gli Usa hanno vinto. Gli americani si sono limitati a dare solo il risultato e il nome del marcatore (McBride).
Altri particolari (anche sugli Usa) sono stati svelati dal ct dell'Angola, Luis Oliviera Goncalves, che ha raccontato che la sua squadra ha giocato dal 35' in dieci per l'espulsione di un suo giocatore. Ma ha assicurato: «Abbiamo dominato l'incontro nel secondo tempo». Il ct africano ha inoltre rivelato che tra le file degli americani ha giocato anche il capitano Claudio Rayna, rimasto fermo per dieci giorni a causa di un infortunio muscolare a una coscia.
Gli Usa affronteranno gli azzurri nel secondo incontro del girone E del 17 giugno, poi il Ghana il 22. L'Angola invece nel girone D giocherà contro Portogallo (l'11), il Messico (il 16) e l'Iran (il 21).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione