Cerca

Vela, a novembre l’onda rosa travolge Bari

Dal 1° al 3 novembre Bari sarà "invasa" dai migliori equipaggi femminili di 420 per il campionato nazionale femminile di classe. Circa 80 le atlete che scenderanno in acqua. «Ci fa molto piacere l'indicazione della Puglia e di Bari per questo campionato - commenta Alberto La Tegola, presidente VIII Zona Fiv -. Il merito del successo va alla Lega navale Italiana di Bari che svolge un ruolo di grande attrazione per la flotta di 420, anche grazie al sapiente lavoro del suo presidente»
Vela, a novembre l’onda rosa travolge Bari
Dal 1° al 3 novembre Bari sarà "invasa" dai migliori equipaggi femminili di 420 per il campionato nazionale femminile di classe. Circa 80 le atlete che scenderanno in acqua. «Ci fa molto piacere l'indicazione della Puglia e di Bari per questo campionato - commenta Alberto La Tegola, presidente VIII Zona Fiv -. Il merito del successo va alla Lega navale Italiana di Bari che svolge un ruolo di grande attrazione per la flotta di 420, anche grazie al sapiente lavoro del suo presidente, Marcello Zaetta, e di Enzo Pavone, direttore sportivo e preparatore della flotta 420 della Lni».
« L’impegno è notevole - sostiene Marcello Zaetta - occorrono 7/8 gommoni con relativi equipaggi, boe e radio VHF, marinai, barche Comitato e arrivi, coppe, carburante. La macchina organizzativa non è facile da gestire, ma ci fa piacere. Si tratta pur sempre di un'attestazione di stima da parte della Federazione e siamo certi di riuscire a far bene grazie a tutte le professionalità che ci supporteranno».

Il 420 è una classe agonistica giovanile che prepara alle classi Olimpiche. Non sono pochi i casi di campioni che hanno affinato la propria tecnica sul 420 prima di approdare ai Giochi Olimpici. Indimenticabile il nome di Diana Di Cagno (CV Bari) che nel 1984 è diventata campionessa del mondo. Senza contare che negli ultimi 15 anni la sezione barese della Lega navale ha espresso alcuni dei talenti migliori, tanto da annoverare ben sei partecipazioni ai campionati mondiali tra il 2004 e il 2009, anno in cui Sara Amendola e Giulia Paolillo sono arrivate none assolute e seconde italiane al Mondiale di Riva del Garda. Ora ci sono i giovani che si stanno formando: Alessia De Vita e Federica Catapano Minotti del Circolo Ondabuena di Taranto; Ilaria Ditonno e Isabella Carabellese e Laura Longo e Laura Ambrosi del CV Bari; Elena Antonaci e Serena Schiavone e Martina Melica e Fabiola Bergamin della Lni Bari.

«È un bel gruppo - commenta Enzo Pavone, della Lni Bari - ma devono crescere. Speriamo di arrivare tra i primi 10 al campionato. Sarebbe un bel risultato». Gli equipaggi femminili della classe 420 rappresentano il 40% dell'intera flotta di classe che registra circa 120 equipaggi alle regate nazionali di qualificazione per Europei e Mondiali. Tra questi i favoriti per il campionato femminile sono Sara Scotto e Vittoria Barbiero, medaglia di bronzo al mondiale di Valencia; le triestine Carlotta Omari e Francesca Russo Cirillo, quinte, e le genovesi Ilaria Paternoster e Benedetta Di Salle, già protagoniste agli ultimi Mondiali ISAF Youth, che hanno conquistato il titolo Europeo nella classe 420 (sia assoluto che femminile) juniores. [Alessandra Montemurro]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400