Cerca

Motomondiale - GP d'Italia: Rossi subito dopo le Ducati

Le Rosse monopolizzano la griglia di partenza della classe MotoGP in programma domenica al Mugello. Gibernau centra la sua prima pole-position da quando è arrivato alla Ducati - la tredicesima in carriera - e Capirossi gli è subito dietro. Poi il campione del mondo. Lorenzo e Pesek in pole in 250 e 125
SCARPERIA (ITALPRESS) - Mugello chiama, Ducati risponde. Le rosse «desmosedici» di Borgo Panigale monopolizzano la griglia di partenza del Gran Premio d'Italia della classe MotoGP in programma domani sul circuito toscano. Sete Gibernau, infatti, centra la sua prima pole-position da quando è arrivato alla Ducati - la tredicesima in carriera, ndr - e Loris Capirossi gli è subito dietro con la moto gemella. 1'48"969 il miglior tempo per il pilota spagnolo; 58 millesimi sopra l'1'49» quello di Loris. Ma in una prima fila con una predominante di rosso, c'è anche un po' di giallo, quello della Camel Yamaha di Valentino Rossi.
Il campione del mondo, torna in prima fila ottenendo un buon 1'49"167 che gli consentirà domani, di non partire svantaggiato nella corsa davanti al proprio pubblico. Ad aprire la seconda fila il leader della classifica iridata. Nicky Hayden con la Honda Repsol Hrc ha ottenuto come migliore prestazione 1'49"212, risultando più veloce di un decimo abbondante rispetto alla Kawasaki del giapponese Shinya Nakano e all'altra Honda del team Fortuna di Marco Melandri.
Il vincitore del Gran Premio di Francia, quindi, partirà dalla seconda fila, ma le sue possibilità di lottare per il successo sono intatte. Solo la terza fila, invece, per Dani Pedrosa. Il due volte campione del mondo della classe 250 cc., infatti, con 1'49"516 ha ottenuto l'ottavo tempo, preceduto anche dalla Rizla Suzuki dello statunitense John Hopkins e davanti alla Honda LCR dell'australiano Casey Stoner.
Nella classe 250 cc., Jorge Lorenzo, nel suo penultimo giro strappa la pole position, a soli tre decimi dal record della pista che già gli appartiene. Lo spagnolo del team Fortuna Aprilia è stato l'unico a scendere sotto l'1-54", fermando il cronomentro su 1'53"787. Al suo fianco partirà la Honda Humangest del giapponese Yuki Takahashi che con 1'54"174, ha fatto scivolare indietro di una posizione in griglia il bergamasco Roberto Locatelli, terzo con l'Aprilia del Team Toth con 1'54"309. In testa alla scala dei tempi fino agli ultimi sessanta secondi, Alex De Angelis si deve accontentare dell'ultimo posto in prima fila. Per il sanmarinsese del Master Aspar Aprilia, 1'54"329. 51 centesimi più indietro il leader del Mondiale, Andrea Dovizioso. Il forlivese con l'altra Honda Humangest Racing apre la seconda fila, precedendo la Gilera di Marco Simoncelli, l'altra Fortuna Aprilia di Hector Barbera e quella Cardio AB Motoracing di Jakub Smrz, il ceko autore ieri della pole provvisoria.
Il suo connazionale Lukas Pesek, invece, partirà dalla pole-position nella prova d'apertura del Gp d'Italia al Mugello. Nella piccola ottavo di litro, l'alfiere della Derbi, alla sua prima pole in carriera, ha anche ottenuto il record ufficioso della pista con 1'58"202, facendo meglio del precedente 1'58"575 appartenente a Steve Jenkner che l'aveva ottenuto nel 2004. Al suo fianco due delle Aprilia del Team Aspar, quella di Mattia Pasini, anche lui sotto il vecchio primato del Mugello con 1'58"335 e quella dello spagnolo Hector Faubel (1'58"851). Chiude la prima fila la Honda del team Valsir Seedorf di Fabrizio Lai (1'58"934). Apre la seconda, invece, il leader della graduatoria iridata, l'iberico Alvaro Bautista con un'altra Aspar Aprilia (1'59"00(, quindi il connazionale Pablo Nieto, il magiaro Gabor Talmacsi con la Honda Humangest ed il finnico Mika Kallio con la KTM.

Griglie di partenza del Gp d'Italia in programma domani sul circuito del Mugello per il motomondiale

- classe MotoGp

1. Sete Gibernau (Spa) Ducati 1:48.969
2. Loris Capirossi (Ita) Ducati 1:49.058
3. Valentino Rossi (Ita) Yamaha 1:49.167
4. Nicky Hayden (Usa) Honda 1:49.212
5. Shinya Nakano (Gia) Kawasaki 1:49.328
6. Marco Melandri (Ita) Honda 1:49.343
7. John Hopkins (Usa) Suzuki 1:49.478
8. Dani Pedrosa (Spa) Honda 1:49.516
9. Casey Stoner (Aus) Honda 1:49.915
10. Makoto Tamada (Gia) Honda 1:50.084

- classe 250

1. Jorge Lorenzo (Spa) Aprilia 1:53.787
2. Yuki Takahashi (Gia) Honda 1:54.174
3. Roberto Locatelli (Ita) Aprilia 1:54.309
4. Alex de Angelis (Rsm) Aprilia 1:54.329
5. Andrea Dovizioso (Ita) Honda 1:54.380
6. Marco Simoncelli (Ita) Gilera 1:54.408
7. Hector Barbera (Spa) Aprilia 1:54.451
8. Jakub Smrz (Cec) Aprilia 1:54.483
9. Shuhei Aoyama (Gia) Honda 1:54.488
10. Alex Debon (Spa) Aprilia 1:54.653

- classe 125 cc

1. Lukas Pesek (Cec) Derbi 1:58.202
2. Mattia Pasini (Ita) Aprilia 1:58.335
3. Hector Faubel (Spa) Aprilia 1:58.851
4. Fabrizio Lai (Ita) Honda 1:58.934
5. Alvaro Bautista (Spa) Aprilia 1:59.008
6. Pablo Nieto (Spa) Aprilia 1:59.337
7. Gabor Talmacsi (Ung) Honda 1:59.415
8. Mika Kallio (Fin) KTM 1:59.422
9. Angel Rodriguez (Spa) Aprilia 1:59.430
10. Sandro Cortese (Ger) Honda 1:59.506

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400