Mercoledì 15 Agosto 2018 | 21:10

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Calcio/Serie C2 - Tremila tifosi tarantini a Rende

Il Taranto giocherà regolarmente nella città calabrese la gara di andata della finale dei playoff promozione di serie C2 in programma il 4 giugno. Lo stadio Lorenzon ha una capienza di 3.800 spettatori. SZoltanto la gradinata da 800 posti sarà riservata ai sostenitori della squadra di casa
TARANTO - L'incontro di calcio Rende-Taranto, gara di andata della finale play-off per la promozione in C1, si giocherà regolarmente domenica 4 giugno nello stadio Lorenzon della cittadina calabrese, ma gran parte dell'impianto sarà messo a disposizione della tifoseria tarantina, della quale si prevede un grande afflusso per assistere alla partita. È quanto hanno stabilito le due società oggi in un incontro svoltosi a Firenze nella sede della Lega professionisti di serie C, presente anche il presidente di Lega, Mario Macalli. Alla riunione hanno partecipato il presidente della Taranto Sport, Luigi Blasi, e il direttore generale, Vittorio Galigani; la delegazione del Rende era guidata dal direttore sportivo, Mirabelli. Lo stadio di Rende contiene al massimo 3.800 posti a sedere. Secondo l'accordo raggiunto dai due sodalizi, la società calabrese metterà a disposizione del Taranto 3.000 biglietti: 1200 di curva e 1800 di tribuna coperta. La gradinata da 800 posti sarà riservata ai tifosi della squadra di casa.
«Siamo davvero soddisfatti dell'accordo - ha affermato il dg Galigani - perché la società del Rende ha dato la massima disponibilità a venire incontro alle nostre esigenze, mostrando anch'essa grande maturità». Blasi ha garantito «di persona» sulla correttezza della tifoseria tarantina, come - ha detto - «ampiamente dimostrato nell'incontro col Melfi, così come non dubitiamo di quella del Rende». Ieri, nella gara vinta in casa dal Taranto per 2-0 contro il Melfi, allo stadio Iacovone c'erano oltre 15.000 spettatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Foggia da lavori in corsoNeamber al rush finale

Foggia da lavori in corso
Neamber al rush finale

 
Lecce cerca i tasselli giustiBovo certezza per la difesa

Lecce cerca i tasselli giusti
Bovo certezza per la difesa

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS