Cerca

Valentino Rossi ha deciso: «Resto nella MotoGp»

Il campione del mondo: «Niente Formula 1, almeno per il momento». Aveva provato più volte con la Ferrari. Secondo il padre Graziano, forse l'elemento decisivo per scegliere «è stata l'emozione che si sente nella pelle quando si corre in moto e quella che si prova in auto»
MILANO - Valentino Rossi ha deciso: «niente Formula 1, almeno per il momento. Resto nelle moto». E' stato lo stesso pilota, campione del mondo in Motogp, a renderlo noto con una dichiarazione all'Ansa: «Continuerò a correre nella Motogp ancora per un po'».
Il padre di Valentino Rossi, Graziano, non sapeva della scelta del figlio di rimanere nel Motogp e - dice all'Ansa - «credo che fino a un paio di settimane fa non sapesse neanche lui se avrebbe scelto a favore della Formula 1 oppure no». E a pesare sulla decisione ufficializzata oggi - ipotizza - forse sono state le diverse emozioni che si provano «quando si è alla guida di una moto, oppure di una macchina».
«Per quello che so - aggiunge -, un annuncio era comunque in programma al Mugello». Graziano, lui stesso pilota di moto e ora di rally, è sempre stato «abbastanza favorevole» al passaggio di Valentino alla Ferrari, perché «sarebbe stata una bella scommessa. Questa però - rileva - era l' idea di uno completamente estraneo al mondo della Formula 1».
La decisione ufficializzata oggi è comunque «una cosa completamente sua», dopo che «si è preso il tempo per riflettere bene. E' una cosa così importante che non contano i consigli». E la scelta è arrivata «a rilento, proprio perché lui ha voluto capire bene, provare la macchina, conoscere l' ambiente».
Secondo Graziano Rossi, i test condotti con la Ferrari hanno lasciato «un'ottima impressione» a Maranello. Per Valentino «è stata una grande, bella esperienza, in cui ha trovato la massima disponibilità e accoglienza da parte di tutti, da Montezemolo, fino agli ingegneri e ai meccanici. Certo - seguita - poi bisogna decidere se quella sarà la tua vita nei prossimi 10-15 anni». Forse l'elemento decisivo per scegliere «è stata l'emozione che si sente nella pelle quando si corre in moto e quella che si prova in auto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400