Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:39

Ricerca Coni-Istat: un pugliese su due fa sport

Nella regione, che conta 4 milioni di abitanti, nel 2005 ben un milione 900mila pratica una disciplina in modo continuativo o almeno saltuario (leggermente sopra la media del Sud). Ma negli ultimi anni in troppi hanno abbandonato. In Italia quasi 23 milioni di persone non praticano alcuna attività fisica
BARI - Bene nell'ultimo anno, maluccio negli ultimi otto. E' la foto del rapporto tra i cittadini pugliesi e l'attività sportiva, secondo gli ultimi dati Coni-Istat relativi al 2005 (scaricabili su www.coni.it). La ricerca nazionale ha preso in considerazione i tre principali atteggiamento misurabili nel tempo libero degli italiani: nessuna attività fisica, cioè una vita sostanzialmente sedentaria; qualche attività fisica, prevalentemente in modo non organizzato (e circa la metà pratica meno di una volta a settimana, al di sotto dell'attività minima sufficiente per la buona salute secondo l'OMS); infine una pratica definita dai cittadini stessi come "sportiva" e "continuativa", anche appoggiandosi ad associazioni sportive.
E in Puglia, regione che conta 4 milioni di abitanti, ben un milione 900mila pratica sport in modo continuativo o almeno saltuario: è il 48%, quasi la metà dei cittadini dai 3 anni in su. In particolare, il 17%, la percentuale più alta del sud Italia, si dedica all'attività fisica in modo abituale (667mila) e il 31% (oltre un milione 200mila) in maniera sporadica. Rispetto alle altre regioni, il quadro 2005 sembra abbastanza confortante: la fascia di pratica saltuaria è nella media meridionale; la pratica sportiva continuativa è leggermente sopra la media meridionale (e in linea con l'aumento registrato su scala nazionale); la sedentarietà è leggermente inferiore alla media del Sud Italia.
I dati hanno poi evidenziato le tendenze degli ultimi otto anni. E per la Puglia qui le cose, cambiano: seppure la pratica sportiva continuativa dei pugliesi registri un aumento pressoché costante, la sedentarietà è aumentata di quasi dieci punti percentuali, mentre la fascia intermedia (pratica sportiva saltuaria) è calata di ben 12,9%. In sostanza, quelli che hanno smesso sono molti di più di quelli che hanno intensificato. Dunque la situazione richiede attenzione, perchè nel quadro delle regioni meridionali il profilo pugliese del 1997 era tutto sommato migliore. Possibili concause della flessione, ipotizzabili in situazioni del genere: il tasso d'invecchiamento della popolazione, i costi della pratica sportiva, la disponibilità di impianti o aree idonee per lo sport.
"Il Coni Puglia - commenta il presidente del Coni Puglia Elio Sannicandro - lancia un segnale di allarme alle Amministrazioni locali e al mondo della scuola perché operino in maniera sinergica per sviluppare e favorire attività sportive che assicurino la continuità e la stabilità nel tempo. Dunque non soltanto eventi e manifestazioni sporadiche o di breve durata, bensì interventi mirati a sostenere le società sportive che operano con continuità per la crescita e lo sviluppo della pratica sportiva tra i giovani. In tal senso appare fondamentale garantire la disponibilità degli impianti sportivi per consentire la programmazione e l'ampliamento delle attività".
Dalla ricerca (che considera anche altri aspetti - ma solo su scala nazionale -, dagli andamenti delle iscrizioni alle federazioni alle medaglie olimpiche) emerge che in Italia quasi 23 milioni di persone non praticano alcuna attività fisica nel tempo libero. La percentuale 2005 è 40,6, in diminuzione rispetto al 2003 (41,6), ma in forte aumento sul 1997 (35,8). Quasi 22 milioni praticano qualche attività fisica (o anche attività indicate come sportive, ma in modo discontinuo). La percentuale complessiva 2005 è 38,5, in aumento sul 2003 (37,6) ma in forte calo rispetto al 1997 (46,3). Infine, quasi 12 milioni praticano attività sportive in modo continuativo. La percentuale 2005 è di 20,9, in aumento rispetto al 1997 (17,9) e al 2003 (20,8).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione