Cerca

Calcio/Serie B - Bari, un punto che vale la salvezza

I biancorossi raggiungono quello che avevano preventivato. In vantaggio con Carrus, la squadra di Carboni si fa raggiungere da Bucchi e superare da Colacone. Nella ripresa ci pensa Goretti a segnare il gol del definitivo pareggio. Festa Atalanta, il Catania è a un passo dalla serie A
BARI-MODENA 2-2 (primo tempo 1-2)

Bari (4-5-1): Gillet, Bellavista, Esposito, Sibilano, Michele Anaclerio, La Vista, Fusani, Goretti (32' st Piccinni), Luigi Anaclerio (28' st Vantaggiato), Carrus, Santoruvo. (22 Spadavecchia, 35 Fusaro, 17 Pagano, 90 Ganci, 31 Mora) All.: Carboni.
Modena (4-3-2-1): Frezzolini, Pivotto, Centurioni, Chicchi, Tamburini, Tisci, Giampieretti (6' st Troiano), Amerini, Colacone (32' st Giampaolo), Graffiedi (22' st Asamoah), Bucchi. (1 Narciso, 6 Bolzan, 4 Morselli, 19 Nicoletti, 18 Troiano) All: Pioli.
Arbitro: Farina di Novi Ligure.
Reti: nel pt 32' Carrus, 34' Bucchi, 37' Colacone; nel st 3' Goretti.
Angoli: 8-6 per il Bari.
Recupero: 0' e 3'.
Ammoniti: Santoruvo e Giampieretti per proteste, Pivotto per gioco falloso.
Spettatori: 4.072 (paganti 978, abbonati 3.094) per un incasso di 23.826,00 euro.

BARI - Un pari che accontenta le due contendenti: il Bari è virtualmente salvo (con sei punti di vantaggio sulla quint'ultima Albinoleffe e una differenza reti molto favorevole) mentre il Modena, sesto in classifica, è in piena corsa per i play off promozione (anche per il calendario più favorevole rispetto alle concorrenti).
Il punto della sicurezza conquistato dai baresi, però, non è stato festeggiato, e il tecnico Carboni (che non verrà confermato per il prossimo anno) ha anche disertato la sala stampa. In avvio il Bari (decimato dalle assenze e con Sibilano al rientro da titolare dopo sette mesi) è apparso ben ordinato in copertura, e rapido nelle ripartenze, anche grazie alle accelerazioni di Luigi Anaclerio, e al regista Carrus, libero di creare senza troppi assilli in copertura. Gli emiliani hanno sfruttato la velocità di Bucchi, marcato dai lenti centrali Esposito e Sibilano.
Alla mezz'ora i pugliesi sono passati in vantaggio con una conclusione dal limite di Carrus, ma dopo solo due minuti il capocannoniere della B, Bucchi, ha pareggiato i conti (siglando il ventisettesimo centro stagionale).
Dopo solo 180» è arrivato il vantaggio dei gialloblu: Colacone, superato con facilità Esposito, ha battuto Gillet con un pallonetto sotto la traversa. Nella ripresa il Bari ha iniziato di gran carriera e ha trovato il gol del 2-2 con una conclusione di Goretti dal limite dell'area (al 3').
Il tecnico modenese Pioli ha provato a vincere la partita sbilanciando in avanti la squadra, ma gli inserimenti di Asamoah e Giampaolo non hanno dato i frutti sperati, anzi Santoruvo e Carrus hanno avuto occasioni ghiotte per il possibile vantaggio. Solo in pieno recupero il ghanese Asamoah ha sprecato il colpo del ko, calciando su un difensore avversario una conclusione da distanza ravvicinata che avrebbe potuto garantire tre preziosissimi punti.

Il Bari si salva e il tecnico Guido Carboni diserta la consueta conferenza stampa del dopopartita: la scelta del toscano appare insolita, ma è stato comunicato dalla società che l'allenatore è ripartito subito dopo aver fatto la doccia.
A commentare la salvezza barese è stato il direttore sportivo Fausto Pari, che si è detto soddisfatto della prestazione di Bellavista e compagni. «La partita della squadra mi è piaciuta - dice il ds - con un po' di attenzione avremmo potuto vincere. Nelle prossime settimane parleremo di futuro con la dirigenza. Non sono invece contento del campionato del Bari: avremmo potuto fare di più senza sfortuna e nostri errori».

Altri dieci ultras baresi, dopo i nove arrestati nei giorni scorsi, sono stati identificati e denunciati da personale della digos di Bari per i disordini avvenuti il 29 aprile scorso allo stadio San Nicola prima e durante la partita Bari-Pescara.
Gli scontri si erano verificati perchè gruppi di tifosi baresi avevano ripetutamente cercato di entrare in contatto con la tifoseria avversaria ed erano stati respinti dalle forze dell'ordine contro cui erano stati quindi scagliati sassi ed altri oggetti. Nel corso degli incidenti alcuni poliziotti erano rimasti contusi e un funzionario della questura si era fratturato una spalla cadendo.
I dieci indagati sono accusati di lancio di oggetti pericolosi e invasione dei vari settori. Nei loro confronti sono stati adottati provvedimenti di divieto di assistere a manifestazioni sportive. Le indagini da parte della digos di Bari-squadra tifoseria, continuano per individuare eventuali altri presunti responsabili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400