Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 07:56

Brindisi, ecco Bulleri E ora l'Enel Basket vuole anche Basile

di FRANCO DE SIMONE
BRINDISI - Domani pomeriggio, nel corso della prima conferenza stampa della nuova stagione agonistica, l’Enel Basket presenterà alla stampa Massimo Bulleri, il play scelto dalla coppia Bucchi-Giuliani per assicurare tanta esperienza e un ottimo basket alla nuova squadra. Intanto, è giunta l’ufficialità dell’ingaggio di Delroy James. Il nome che più viene accostato a Brindisi in queste ore è quello di Gianluca Basile
Brindisi, ecco Bulleri E ora l'Enel Basket vuole anche Basile
BRINDISI - Domani pomeriggio, nel corso della prima conferenza stampa della nuova stagione agonistica, l’Enel Basket presenterà alla stampa Massimo Bulleri, il play scelto dalla coppia Bucchi-Giuliani per assicurare tanta esperienza e un ottimo basket alla nuova squadra. La carriera del neo biancazzurro è costellata da momenti importanti che gli appassionati tutti (anche se poco esperti di basket) conosceranno. Bulleri, per tutto «Bullo», eccetto una brevissima apparizione a Scafati, lo scorso anno, ad ogni modo, senza mai aver giocato con il sodalizio campano, ha sempre giocato al Nord: Treviso, Bologna, Mestre, Forlì, Milano e, in ultimo Venezia, le squadre per le quali il play ha giocato e vinto, fino a disputare, nel maggio scrso anche il playoff con la Reyer.

Intanto, ieri, è giunta l’ufficialità dell’ingaggio di Delroy James, la nuova ala forte della squadra che, per il terzo anno consecutivo, si avvarrà dell’esperienza di coach Piero Bucchi. James, è nato nella Guyana il 4 maggio 1987, ruolo ala, statura 203 cm, peso 100 kg e solo nei giorni scorsi ha avuto il passaporto guianese. Lo aveva americano, ma a Brindisi interessava tesserarlo quale «Cotonou» e pertanto si è andati un po’ per le lunghe prima dell’annuncio ufficiale. Solo problemi di burocrazia. Nient’altro che questo.

Rhode Island, Bnei Hasharon (Israele) per la sua prima esperienza da professionista, Tulsa nel campionato americano NBDL e Ferentino, con la cui squadra ha collezionato 28 presenze ottenendo medie interessanti: 30,6 minuti, 16,2 punti, 6,1 rimbalzi, 2,1 assist, 1,1 stoppate e 2,3 palle recuperate, guadagnandosi la selezione all’All Star Game di Legadue e vincendo il premio di MVP della manifestazione.

Nell’Enel Basket, grazie alle sue caratteristiche tecniche, si integrerà sia con Akin Akingbala, più portato a giocare interno, che con Miro Todic e Andrea Zerini, formando un pacchetto di lunghi versatile e completo.

Poi come pubblicato in altra pagina, il nome che più viene accostato a Brindisi in queste ore è quello di Gianluca Basile. Un ritorno in patria insomma per il medagliato olimpico, che farebbe la gioia dei tifosi dell'Enel; mentre però nelle scorse stagioni l'arrivo del «Baso» in maglia brindisina sarebbe caduta a pennello nella costruzione del roster allestito per Bucchi, in questo momento con Bulleri già sotto contratto e senza nessuna ufficialità sul play titolare, non sembra così facile l'inserimento dell'ex campione d'Europa. Ma tutto può succedere.

f.d.s.
 

Intervista a Basile sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione