Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 06:03

Sole, cuore e amore una Bari da applausi

di Tiziano Tridente
Sole, cuore e amore. È questa la colonna sonora del Bari Beach Soccer. Un tormentone estivo di qualche anno fa, ma anche il modo più sano di vivere uno sport bello e appassionante. Al sole delle spiagge che lo accolgono. Con il cuore dei ragazzi che lo praticano. Coltivando l’amore per il calcio. Un calcio nuovo, giocato a piedi nudi e spoglio di tutti i...
Sole, cuore e amore una Bari da applausi
di Tiziano Tridente

Sole, cuore e amore. È questa la colonna sonora del Bari Beach Soccer. Un tormentone estivo di qualche anno fa, ma anche il modo più sano di vivere uno sport bello e appassionante. Al sole delle spiagge che lo accolgono. Con il cuore dei ragazzi che lo praticano. Coltivando l’amore per il calcio. Un calcio nuovo, giocato a piedi nudi e spoglio di tutti i nervosismi del mondo del pallone.
Claudio Bigica quell’amore lo ha vissuto a 360 gradi. Lo ha conosciuto facendo calcio ad ottimi livelli. Lo ha rimodellato giocando a calcetto. E lo ha sposato con il beach soccer, tuffandosi in una storia tutta nuova che a distanza di anni continua a dargli grandissime emozioni.
«Ho iniziato la mia avventura nel beach più di dieci anni fa. Una specie di ritorno alle origini - sorride Bigica - dato che nei miei primi allenamenti col Bari, grazie a mister Caffaro, mi divertivo come un pazzo a sguazzare nella sabbia. Le prime soddisfazioni sono arrivate con le convocazioni in nazionale. Sia quella dimostrativa di Maurizio Iorio, dove ho giocato con gente del calibro di Tacconi, Nela e Chicco Evani, sia con quella istituzionale. Poi è arrivato Marcello Sansonetti. Il capitano ha un entusiasmo fuori dal comune e con il Bari ha costruito qualcosa di fantastico: una famiglia. Non posso far altro che essere orgoglioso di farne parte»...

La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione