Cerca

Cestistica ancora senza allenatore tre «candidati» per una panchina

di Pino Pistillo
San Severo - Ancora Una “fumata nera” per l’allenatore della Cestistica San Severo. La società sanseverese non ha ancora messo sotto contratto il tecnico che guiderà la maggiore formazione di basket di Capitanata per la prossima stagione nel campionato di Divisione nazionale B. Il valzer delle panchine - In queste ultime ore si sono...
Cestistica ancora senza allenatore tre «candidati» per una panchina
di Pino Pistillo

San Severo - Ancora Una “fumata nera” per l’allenatore della Cestistica San Severo. La società sanseverese non ha ancora messo sotto contratto il tecnico che guiderà la maggiore formazione di basket di Capitanata per la prossima stagione nel campionato di Divisione nazionale B.

Il valzer delle panchine - In queste ultime ore si sono susseguiti continui “sorpassi” tra i tre maggiori favoriti, ovvero tra i tre allenatori che potrebbero occupare la panchina della formazione sanseverese: Slavko Djukic, Umberto Anzini e Massimo Prosperi. Sembrava praticamente fatta, giusto qualche giorno fa, per lo «zingaro del basket», come lui stesso ama definirsi per aver allenato in giro per il mondo, ma ieri pare che le parti si siano di nuovo allontanate sulla questione economica. Resta sempre il giallo dell’annuncio della L.G. Basket Castelnovo ne’ Monti, con il quale, già da un paio di settimane, comunicava che Djukic «allenerà la prima squadra in Serie C2 e avrà un ruolo centrale nello sviluppo del settore giovanile». Il tecnico serbo è attualmente a casa ma è stato continuamente in contatto con esponenti della Cestistica. Da favorito numero uno, attualmente scende al terzo posto della graduatoria del possibile allenatore giallo nero. Scendono anche le quotazioni di coach Umberto Anzini. Il tecnico di Campobasso farebbe la spola tra Campobasso e San Severo e allenerebbe solo il pomeriggio, quando sarebbe libero dalle ore di insegnamento. Una situazione non proprio ottimale per una squadra che partecipa al quarto campionato nazionale. Con lui dovrebbe collaborare un assistente che lo sostituirebbe la mattina. Se la società dovesse pensare ad una soluzione del genere non avrebbe bisogno di scomodare tecnici da fuori. Potrebbe optare tranquillamente su una soluzione locale, come stanno già facendo gran parte delle avversarie...

La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400