Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 03:24

L'Atalanta di Ventola sempre più vicina alla serie A

Supera 2-0 la Cremonese e mantiene il primato con dieci lunghezze di vantaggio sulle terze (Cesena e Mantova, che però gioca lunedì contro il Bologna). In seconda posizione c'è il Catania (a -5 dalla vetta). In coda colpi di Vicenza e Avellino. Cremonese e Catanzaro sempre più in fondo alla classifica
L'Atalanta conquista la vittoria numero 21 (su trentesei incontri) e si mantiene saldamente al comando della graduatoria di serie B con 70 punti. Il Catania stecca la gara interna con il Rimini e rimane a -5 dalla vetta. Al «Massimino», infatti, i rossazzurri di Marino non vanno oltre lo 0-0 nel match contro i romagnoli. Etnei che recriminano però un gol annullato a Spinesi per un (dubbio) tocco di mano a due passi dalla linea bianca.
Muove la classifica il Modena che grazie al 2-1 interno ai danni di un buon Torino inanella la quarta vittoria consecutiva, imponendo lo stop ai granata, in serie positiva da tre turni. Di Graffiedi e Gyan Asamoah le reti dei canarini; in mezzo il punto di Abbruscato (tredicesima rete, dieci però con la maglia dell'Arezzo). L'Atalanta dopo un primo tempo in sordina esce nella ripresa e con un chiaro 2-0 liquida la pratica Cremonese. Per i bergamaschi le reti di Lazzari su rigore e raddoppio di Ventola (quindicesima rete per l'attaccante di Colantuono). Scoppiettante 2-2 al «Manuzzi». In casa del Cesena l'Albinoleffe di Mondonico impone lo stop ai romagnoli di Castori. Partita vibrante e con continui capovolgimenti di fronte. Al minuto 43 della prima frazione di gioco è la squadra bergamasca a sbloccare il punteggio con il rigore di Regonesi. Al 79' il pareggio dei bianconeri con Mengoni e il vantaggio quattro minuti dopo con Bracaletti. La beffa per il Cesena arriva al secondo minuto di recupero, ancora con Regonesi, su calcio di rigore.
Ancora una giornata negativa per Zdenek Zeman. Il Brescia si ferma infatti a Piacenza con il 3-1 subito nel match contro i padroni di casa guidati da Iachini. Dopo 40' le «rondinelle» sono già sotto di tre reti (Degano e doppietta di Stamilla). Inutile il punto di Stankevicius a otto minuti dal termine. Lo stesso attaccante lituano si faceva espellere due minuti dopo.
Colpo esterno dell'Avellino che espugna l'Adriatico con il 2-0 inflitto al Pescara. I biancoverdi di Colomba portano via tre punti importanti in chiave-salvezza grazie alle reti di Boudianski e Danilevicius. Il Bari vince 1-0 in casa contro il Catanzaro grazie ad una incredibile autorete di De Angelis. Su una botta da lontano per i pugliesi, il calciatore giallorosso raccoglieva maldestramente la sfera spingendola nella propria rete.
L'Arezzo non va oltre l'1-1 interno nel match contro la Triestina. Vantaggio degli ospiti al minuto 37 con Borgobello, bravo a raccogliere un perfetto assist di Eliakwu. La risposta dei toscani arriva in chiusura di primo tempo con il rigore trasformato dall'esterno destro Raimondi.
Torna alla vittoria il Vicenza. I biancorossi vincono 2-1 il derby veneto in casa del Verona ed hanno nell'esperto attaccante Schwoch l'assoluto protagonista. L'ex Napoli e Torino firma una pregevole doppietta (un gol su rigore). Tardivo e inutile il punto degli scaligeri, al minuto 85, con Comazzi.
Lunedì il turno numero 36 del campionato cadetto si chiude con l'atteso posticipo fra il Mantova ed il Bologna. I virgiliani potranno sfruttare il fattore campo per riagganciare il treno delle primissime posizioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione