Cerca

L'Enel Basket «in costruzione» è squadra che piacerà ai tifosi

di Franco De Simone
Aeroporto internazionale di Milano-Malpensa», l’aeromobile è pronta sulla pista, fra i passeggeri pronti ad imbarcarsi anche Alessandro Giuliani, general manager dell’Enel Basket. Parte: destinazione Orlando. «Non è una vacanza», sorride dicendo. Infatti. Lo attende un periodo di «studio» estremamente faticoso....
L'Enel Basket «in costruzione» è squadra che piacerà ai tifosi
di Franco De Simone

Aeroporto internazionale di Milano-Malpensa», l’aeromobile è pronta sulla pista, fra i passeggeri pronti ad imbarcarsi anche Alessandro Giuliani, general manager dell’Enel Basket. Parte: destinazione Orlando. «Non è una vacanza», sorride dicendo. Infatti. Lo attende un periodo di «studio» estremamente faticoso. «Già, proprio così, sin da domani. Sono atteso dal capo allenatore, che è mio amico, degli Houston Rockets che mi ha permesso di assistere agli allenamenti dei suoi Rockets. Poi, ancora ad Orlando, mi è stata concessa la possibilità di assistere al lavoro dei Detroit Pistons. Sono buon amico dei coach di Detroit, i quali sono anche degli ottimi suggeritori, visto che abbiamo negli anni allacciato degli ottimi rapporti professionali».
Il grosso del lavoro, però, lo attende a Las Vegas. «È così, passeremo dalle tre gare al giorno di Orlando alle cinque partite di Las Vegas, in impianti diversi. Va da sè che non è facile, ma quando si osservano le gare delle Summer League o si fa così o non ci si va».

Le va di parlare un po’ della sua nuova avventura con l’Enel Basket nella massima serie? Magari partendo proprio dal fatto che Cedric Simmons ha salutato tutti partendo per Atene.
«Gli agenti (americani ed europei) di Cedric, tempo fa, mi avevano messo al corrente che Giorgos Bartzokas, capo allenatore dell’Olympiakos, lo ha tenuto sempre d’occhio. Ed ora lo ha rivoluto nella sua squadra campione d’Europa».

Ed ora, anche il pivot.
«Non c’è paura. Ora abbiamo una spazio salariale da dividere su uno o più giocatori. Non è affatto una disgrazia, i lunghi, viovaddio, abbondano. Sono gli esterni i giocatori sui quali occorre compiere scelte molto oculate»...

La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400