Cerca

Vela, parte 28ª edizione regata Brindisi-Corfù

BRINDISI - Alla fine si sono iscritte in 114. Sono le imbarcazioni che oggi prenderanno il via alla edizione numero XXVIII della regata internazionale Brindisi-Corfù. Si partirà, come da tradizione, alle 13 con il via ai maxiyacht, seguito - dieci minuti dopo - dal via alla resto della flotta. La linea di partenza è compresa tra la testata della diga di Punta Riso e le isole Pedagne, nell'avamporto. Il percorso è di 104 miglia sino al traverso del porticciolo di Kassiopi, nella parte nord dell'isola di Kerkyra
Vela, parte 28ª edizione regata Brindisi-Corfù
BRINDISI - Alla fine si sono iscritte in 114. Sono le imbarcazioni che oggi prenderanno il via alla edizione numero XXVIII della regata internazionale Brindisi-Corfù.Si partirà, come da tradizione, alle 13 con il via ai maxiyacht, seguito - dieci minuti dopo - dal via alla resto della flotta. La linea di partenza è compresa tra la testata della diga di Punta Riso e le isole Pedagne, nell'avamporto. Il percorso è di 104 miglia sino al traverso del porticciolo di Kassiopi, nella parte nord dell'isola di Kerkyra.

Ieri sera, alle scalinate virgiliane e ai piedi delle Colonne Romane che si affacciano sul porto interno, c’è stata la la presentazione degli equipaggi, seguita da iniziative enogastronomiche per i regatanti, organizzate da Assonautica e Camera di Commercio. Un momento di festa e di spettacolo prima dell’impegno più duro.

Le previsioni meteo sono in fase di elaborazione. Un fatto è certo, è previsto un forte vento da nord-ovest (maestrale con 30 nodi) che dovrebbe ridurre di molto i tempi di percorrenza consentendo alle barche andature portanti.

Anche quest’anno si potrà seguire la gara con l'avanzato sistema di rilevazione satellitare - live tracking - che offrirà posizioni e classifiche, in tempo reale da ogni angolo del globo e, volendo, eseguire anche il “replay” (www.regatalive.it).

In prima fila ci sarà anche il Grand Soleil 46 Exprivia Luduan Reloaded dell’armatore barese Giovanni Sylos Labini, che dopo un 2012 eccezionale, caratterizzato dalle vittorie al tricolore d'altura e all'Orc International european championship, nonché dalla conquista del premio di Armatore dell'anno Uvai in Classe 1, torna finalmente in acqua.

Una regata speciale, sia per Giovanni Sylos Labini che per tutto l’equipaggio di Exprivia Luduan Reloaded, che dopo le due vittorie conquistate negli anni scorsi, sia di classe che in overall (quest’ultima, indimenticabile, ottenuta nel 2011), tornano finalmente in acqua dopo aver partecipato al XIV Campionato Invernale “Città di Bari” (anche questo vinto in overall) e nel farlo puntano a conquistare nuovamente la grande classica dell’Adriatico, una delle tappe più importanti del tricolore Offshore della Fiv, organizzata con grande sapienza dal Circolo della Vela Brindisi presieduto da Livio Georgevich.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400