Cerca

Calcio/Serie A - La Lazio affonda la Sampdoria

Nelle altre gare della 31ª giornata, ai biancocelesti (2-0) lo scontro diretto per la qualificazione in Coppa Uefa. Il Chievo prende un punto ad Ascoli (2-2). Cade il Livorno ad Empoli (2-1). Vince il Palermo (1-0 al Treviso). In coda, Cagliari battuto in casa dalla Reggina (0-2). Messina-Sampdoria 1-1
Lazio SampROMA - Si infiamma la lotta per Champions e Coppa Uefa che, con lo scudetto virtualmente assegnato alla Juve, rimane il maggior motivo di interesse del campionato. A meno che gli otto punti tra Juventus (prima) e Milan (secondo) non si riducano sensibilmente nelle giornate a venire, la 31/a della serie A ha detto che Fiorentina-Roma, di domenica prossima, sarà scontro diretto quasi decisivo per la conquista di un posto nell'Europa delle grandi, ma pure che l'Inter - inopinatamente battuto a Parma - non potrà concedersi altre distrazioni se non vuole mettere a rischio il terzo posto.
Dietro il gruppetto delle prime, si sgomita a caccia dell' Uefa. Contro la Sampdoria disastrata degli ultimi due mesi (sesta sconfitta consecutiva, non accadeva da 40 anni, con nove gol incassati ed uno solo realizzato) torna a sognare la Lazio che grazie alla vittoria (due reti di Oddo, una su rigore) raggiunge il Chievo al sesto posto, scavalcando il Livorno. Quest'ultimo non s'è giovato dall'arrivo di Carletto Mazzone. I toscani, dopo sei incontri con il tecnico romano in panchina, hanno realizzato una vittoria (con la Fiorentina), due pareggi e tre sconfitte.
Si salva nel recupero il Chievo ad Ascoli. Grazie alla doppietta di Amauri i veneti raggiungono il pareggio che li tiene in quota europea, dopo aver tremato per un'altra doppietta, quella siglata da Paci. Infila la terza vittoria di fila il Palermo cui, al contrario di quanto accaduto a Livorno, il cambio di allenatore ha portato nuovi stimoli. Papadopulo piega il Treviso (ormai con un piede e mezzo in B) grazie al redivivo Makinwa. Il nigeriano interrompe il suo digiuno di gol che durava dallo scorso dicembre.
Nella bagarre per non retrocedere, oltre al gradino importante salito dal Parma sabato a spese dell'Inter, compie tre passi avanti la Reggina, vittoriosa sul campo del Cagliari. Da segnalare un rissa con pugni e spintoni, scoppiata tra i giocatori al termine, che darà lavoro all'ufficio indagini. D'oro anche i tre punti che l'Empoli strappa al Livorno, mentre potrebbe ormai essere troppo tardi per il Lecce, sempre penultimo, ma si toglie comunque la soddisfazione di andare a vincere in casa del Siena. Esce il segno X dalla sfida salvezza tra tra Messina ed Udinese. L'1-1 fa felici soprattutto gli ospiti, ma friulani e siciliani restano rispettivamente quart'ultimi e terz'ultimi in classifica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400