Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 22:03

Confermata la squalifica al campo del Lecce

La gara contro il Milan si giocherà in campo neutro. Resta anche l'ammenda. Motivazione della Disciplinare: «È pacifica la connessione tra la condotta dei tifosi, che con lanci di petardi, fumogeni e bengala ha determinato per due volte l'interruzione dell'incontro, e l'evento agonistico»
MILANO - La Commissione Disciplinare ha confermato la squalifica del campo del Lecce per una giornata e l'ammenda di 5 mila euro inflitta dal giudice sportivo dopo la gara Lecce-Parma del 19 marzo. Secondo la Commissione «è pacifica la connessione tra la condotta dei tifosi, che con lanci di petardi, fumogeni e bengala ha determinato per due volte l'interruzione dell'incontro, e l'evento agonistico». La difesa della società pugliese aveva invece sostenuto «la mancanza di pericolo per l'incolumità di coloro che si trovavano sul terreno di gioco e la premeditazione posta in essere da parte di una frangia di tifosi in dissenso con i vertici della società finalizzata a creare un danno».
La Commissione disciplinare ha poi respinto il reclamo del Messina e confermato la squalifica per tre giornate inflitte dal giudice sportivo al calciatore del Messina Carmine Coppola. Secondo la Commissione presieduta dall'avvocato Salvatore Lo Giudice, la condotta di Coppola «risulta connotata da violenza di particolare gravità». Coppola, secondo quanto risulta nel referto, al rientro dagli spogliatoi al termine della partita Messina-Lecce del 12 marzo scorso, dopo aver lanciato la felpa della tuta contro un dirigente della squadra avversaria, colpiva con un calcio alla gamba il medico sociale del Lecce che era intervenuto per stigmatizzare l'episodio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione