Cerca

Comune di Barletta sfratta squadra basket in carrozzina Organizzata protesta

BARLETTA – Gli atleti della squadra di basket in carrozzina della polisportiva Sportinsieme Sud di Barletta manifesteranno domani mattina dinanzi alla sede del Comune per protestare contro lo sfratto dalla loro sede ricevuto dall’amministrazione comunale. «Alle 10 di domani mattina – spiega il presidente dell’associazione dilettantistica, Ruggiero Lauroia - consegneremo in comune una valigia piena di scatole che contenevano medicinali consumati ultimamente dai tesserati che non possono più allenarsi presso il 'PalaMarchiselli', a causa di uno spiacevole alterco con l’amministrazione»
Comune di Barletta sfratta squadra basket in carrozzina Organizzata protesta
BARLETTA – Gli atleti della squadra di basket in carrozzina della polisportiva Sportinsieme Sud di Barletta manifesteranno domani mattina dinanzi alla sede del Comune per protestare contro lo sfratto dalla loro sede ricevuto dall’amministrazione comunale. «Alle 10 di domani mattina – spiega il presidente dell’associazione dilettantistica, Ruggiero Lauroia - consegneremo in comune una valigia piena di scatole che contenevano medicinali consumati ultimamente dai tesserati che non possono più allenarsi presso il 'PalaMarchiselli', a causa di uno spiacevole alterco con l’amministrazione».
Pochi giorni fa, infatti, alla polisportiva è stato notificato lo sfratto da parte del Comune, per non avere saldato il pagamento delle 'quote ticket' per l’utilizzo della struttura per la stagione sportiva 2012/2013.

«Con questo gesto – continua Lauroia – intendiamo ringraziare l’attuale amministrazione per il completo disinteresse per la categoria sportiva, ignorandola, creando difficoltà, disagio e isolamento, ignorando i diritti, provocando un aggravamento delle patologie ed un consumo superiore dei medicinali».
Quella di Sportinsieme è l’unica realtà di basket in carrozzina in Puglia fra Bari e Foggia, milita nel campionato di serie B di basket in carrozzina e si allenava, sottolinea Lauroia, in una struttura inadeguata, piena di barriere architettoniche, non potendo usufruire di alcun servizio, neppure di bagni e docce. Ma non c'è altro in città e, nonostante tutto, la polisportiva pagava le quote, ma quest’anno non era riuscita a saldare i pagamenti per intero. Il 18 aprile scorso, il Comune, retto dalla commissaria straordinaria Anna Maria Manzone, ha sollecitato la polisportiva al saldo e pochi giorni fa, solo un mese dopo, ha notificato lo sfratto. La protesta è stata organizzata alla vigilia della giornata regionale pugliese del diversamente abile, che si celebrerà a Ortanova (Foggia) sabato 25 maggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400