Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 20:18

Sfida Barletta-Andria sale la febbre derby

BARLETTA - Mancano cinque giorni alla gara di andata dei playout di Prima Divisione tra Andria e Barletta e sale la febbre da derby. «Troppo pochi 540 biglietti riservati ai tifosi andriesi - dice il direttivo curva nord -. Ad Andria ci sono duemila possessori della tessera del tifoso che possono raggiungere la vicina Barletta. Le richieste avute finora sono circa un migliaio. Ecco perché chiediamo una maggiore disponibilità di biglietti per riunire tutti i tifosi azzurri in un unico settore»
Sfida Barletta-Andria sale la febbre derby
Mancano cinque giorni alla gara di andata dei playout tra Andria e Barletta e sale la febbre da derby.qui andria

QUI ANDRIA - «Troppo pochi 540 biglietti riservati ai tifosi andriesi - dice il direttivo curva nord -. Ad Andria ci sono duemila possessori della tessera del tifoso che possono raggiungere la vicina Barletta. Le richieste avute finora sono circa un migliaio. Ecco perché chiediamo una maggiore disponibilità di biglietti per riunire tutti i tifosi azzurri in un unico settore. Lo rimarchiamo anche per questioni di ordine pubblico, visto che tanti andriesi si potrebbero presentare a Barletta senza tagliando. Vorremo, invece, che tutto si svolgesse in tranquillità, nel rispetto dello storico gemellaggio che ci lega ai cugini biancorossi».Ieri la squadra è stata ospitata nel club Brigata dove ha ricevuto calore e supporto dai tifosi azzurri.

a.los.

QUI BARLETTA - Biancorossi al lavoro da ieri pomeriggio. Gruppo al completo tranne Piccinni, alle prese con un infortunio che lo terrà fuori dalla prima sfida playout con l’Andria. A proposito della gara, Riccardo Allegretti sostiene che: «Si affronteranno due squadre in salute. Non so se la gara di andata sarà decisiva, il calcio è matto. Noi non potremo sbagliare l'approccio, partiamo davanti al nostro pubblico». Inevitabile l’accenno alle recenti “sentenze” sull’Andria: «Eravamo e siamo consapevoli del fatto che, indipendentemente dall’avversario, sarà importante vincere per salvarsi. La settimana scorsa abbiamo fatto un lavoro fisico, indipendentemente dall'avversario. Certo aspettavamo questa sentenza ma non posso dire che siamo più o meno contenti. L'avversario è indipendente dalla posta in palio che resta la stessa».

m.piaz.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione