Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 23:29

Lecce sconfitto va ai playoff  per la serie B

di MASSIMO BARBANO
BERGAMO - L’illusione del lecce dura lo spazio di un tempo. Alla fine viene promosso in serie B il Trapani che probabilmente è la squadra che più ha meritato questo traguardo. Il verdetto arriva dopo una rocambolesca girandola di eventi. I siciliani concludono in tronfo la stagione. I salentini finoscono secondo la stagione regolare e adesso dovranno affrontare i playoff per la seconda promozione (nella foto, l'allenatore Toma)
Lecce sconfitto va ai playoff  per la serie B
ALBINOLEFFE-LECCE 2-1 (0-1 nel primo tempo)

ALBINOLEFFE (4-3-2-1)Offredi 6, Salvi 6,5, Ondei 6, Allievi 6,5, Regonesi 6, Girasole 6,5, Taugordeau 5,5 (1' s.t. Previtali 6), Maietti 6, Valoti 6 (25' s.t. Martinovic 6), Pontiggia 6,5 (4' s.t. Corradi 6), Pesenti 7. A disposizione: Amadori, Paris, Di Cesare, Cissè. All.: Pala 6,5.
LECCE (4-2-4)Benassi 5,5, Vanin 5 (35' s.t. Ferrario s.t.), Martinez 6, Esposito 5, Diniz 5,5, Giacomazzi 6,5, De Rose 6,5, Falco 5,5 (25' s.t. Bustamante 5,5), Bogliacino 6,5, Jeda 5 (17' s.t. Pià 5), Memushaj 5,5. A disposizione: Bleve, D'Ambrosio, Fatic, Zappacosta . All.: Toma 5. 
ARBITRO: Chiffi di Padova 6.
RETI: p.t. 3' Bogliacino; s.t. 14' Girasole, 28' Pesenti. spettatori 2.433 (paganti 1.696, abbonati 737). Incasso paganti 12.655,00. Ammoniti Esposito, Memushaj (L), Ondei, Pesenti (A). Corner 3-6 per il Lecce. Recupero 1' e 3''. 

di MASSIMO BARBANO

BERGAMO - L’illusione dura lo spazio di un tempo. Alla fine viene promosso in serie B il Trapani che probabilmente è la squadra che più ha meritato questo traguardo. Il verdetto arriva dopo una rocambolesca girandola di eventi. La promozione il Lecce la assapora dopo tre minuti quando mette il primo sigillo alla sua partita mentre i siciliani sono ancora sullo 0-0 a Cremona. E lo consolida tre minuti dopo quando la Cremonese va in vantaggio sul Trapani per conservarlo quasi fino a metà del primo tempo quando il Trapani ribalterà il risultato. Una fase in cui si riaffaccia lo spettro dei playoff che scompare, ricompare per poi scomparire ancora una volta nel finale di primo tempo per il terzo pareggio della Cremonese. Il Lecce va all’intervallo virtualmente in serie B, ma l’illusione viene presto spezzata proprio da quello che meno ci si aspettava. 

Ciò che sembrava scontato, cioè la vittoria sul campo dell’Albinoleffe, una squadra ormai senza più stimoli di classifica, si trasforma in un incubo. Prima il pareggio che già riporta il Trapani in serie B, poi addirittura lo svantaggio per una disfatta che, per modalità e sequenza, ha ricordato quella di Lumezzane, la prima batosta di un campionato che il Lecce pensava di poter vincere a mani basse. La vittoria del Trapani nel finale è ininfluente, un colpo di grazia che, in un certo senso, stempera anche quella che sarebbe potuta essere la maggiore amarezza, se la promozione l’avesse buttata al vento il Lecce. Ma in realtà il Lecce questo campionato l’ha gettato al vento e quest’ultimo atto è stato l’emblema di una stagione giocata forse con troppa sufficienza nella convinzione che il successo arridesse ineluttabilmente alla squadra di maggiore qualità e valori tecnici. 

Ed invece, la promozione diretta se la accaparra un Trapani-operaio, giunto al vertice quasi in sordina dopo un inizio di campionato anonimo. Al Lecce l’incognita dei playoff nei quali dovrà ricompattarsi e soprattutto rimboccarsi le maniche e correre più degli avversari. Un epilogo su cui, solo qualche mese fa nessuno avrebbe scommesso un centesimo e che ora è invece dura realtà. E soprattutto, che non garantisce automaticamente il salto di categoria per titoli di merito. Primo avversario di Giacomazzi e compagni sarà la Virtus Entella fuori casa per una coda che dilaterà l’arco di impegno della stagione fino ad oltre metà giugno. Quello che è certo è che il Lecce dovrà ritrovarsi e modificare il suo atteggiamento, a meno di non voler rischiare clamorosi crolli anche nella fase degli spareggi. La partita di ieri è un monito. Particolarmente fallimentare il secondo tempo, quando la squadra ha mostrato anche una grossa labilità caratteriale ed è stata messa sotto da un avversario che non aveva neanche motivazioni particolari. 

Ecco le fasi salienti della partita: 3’: Giacomazzi porta avanti un pallone con caparbietà, prova la conclusione dal limite, il portiere Offredi respinge corto, Bogliacino di testa infila il vantaggio giallorosso; 8’ tiro dalla distanza di Pontiggia bloccato a terra da Benassi; botta di De Rose all’11’ di poco a lato; 17’ proteste dei padroni di casa per un atterramento in area di Diniz ai danni di Pontiggia; 20’ rapido scambio al limite Bogliacino-Falco, conclusione finale che sfiora la traversa, 22’ tiro angolato di Girasole parato a terra da Benassi; 26’ diagonale di Bogliacino dal vertice sinistro dell’area, blocca in due tempi Offredi; 31’ Giacomazzi dal centro dell’area di prima a lato.

Secondo tempo: miracolo di Benassi al 5’ quando lza sulla traversa un colpo di testa da distanza ravvicinata di Pesenti; 14’ azione manovrata dell’Albinoleffe con palla tagliata sulla destra per l’accorrente Girasole che insacca in diagonale rasoterra; 22’ botta di Falco respinta d’istinto dal portiere; 28’ Pesenti riceve un pallone al limite dell’area, ha il tempo di girarsi e infilare nell’angolo alto; Bogliacino dal limite al 45’ deviazione in angolo del portiere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione