Cerca

Bari lancia il San Nicola come sede degli Europei 2012

L'obiettivo delle istituzioni (anche locali) è quello di far inserire lo stadio tra quelli che ospiteranno l'edizione della manifestazione calcistica, per la quale sono in corsa, oltre all'Italia, anche Croazia-Ungheria e Polonia-Ucraina. Entro dicembre la Federazione vuole un piano della disponibilità degli impianti
BARI - La città di Bari metterà a disposizione mezzi «materiali e immateriali per raggiungere l'obbiettivo di far inserire il San Nicola tra gli stadi dei possibili Europei di calcio del 2012 in Italia: il sindaco di Bari, Michele Emiliano, nell'incontro svoltosi oggi al Comune con il dirigente della Figc Antonio Ghirelli, il delegato della Figc per il progetto Euro 20012, Antonio Matarrese, e l'assessore allo sport, Elio Sannicandro, ha lanciato lo sprint per aggiudicarsi la designazione (da parte della Figc) dell'impianto barese tra gli otto nei quali potrebbero disputarsi i campionati europei. L'Uefa ha avviato la seconda fase selettiva per scegliere la nazione che ospiterà i campionati continentali e l'Italia compete con Croazia-Ungheria e Polonia ed Ucraina ("entro dicembre - ha detto Antonio Ghirelli - la federazione vuole avere un piano delle reali disponibilità degli impianti").
«Bari è gia inserita tra i dodici stadi italiani preselezionati dalla federazione - ha spiegato Antonio Matarrese - e mi sento di affermare il mio ottimismo in vista della scelta definitiva, anche per la positiva sinergia istituzionale confermata da questo incontro. La Figc terrà conto di tanti fattori, tra cui la popolazione della città, il movimento turistico ed i risultati sportivi del club cittadino. Noi conteremo molto sulla tradizione sportiva internazionale del capoluogo pugliese: qui sono stati disputati la finale del terzo e quarto posto dei Mondiali 90', i giochi del Mediterraneo nel 97' e una finale di Coppa Campioni. Grazie alle amicizie nel campo del calcio internazionale, al rinnovato sodalizio con Franco Carraro, ritengo che potremo raggiungere sia l'obbiettivo di far assegnare la manifestazione calcistica all'Italia, sia di far inserire lo stadio di Bari tra i campi principali, avendo i migliori requisiti».
Per l'assessore allo sport Elio Sannicandro «il nostro stadio è un punto di forza. Abbiamo in programma - ha spiegato - interventi per ammodernarlo ulteriormente, con tecnologie più moderne per il settore stampa e la possibilità di installare alcuni Skybox, palchi da cui vedere comodamente la partita. In più non va sottovalutata l'ottima collocazione logistica dell'impianto, con strade scorrevoli, stazione ed aereoporto non troppo distante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400