Mercoledì 15 Agosto 2018 | 14:55

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Tennis - Pennetta perde un'altra finale

Dopo la delusione di Bogotà della scorsa settimana, per la brindisina arriva un altro amaro epilogo. Nell'atto finale del torneo Wta «Abierto Mexicano Telcel 2006» (180.000 dollari, terra), disputato ad Acapulco, l'azzurra è stata battuta in tre set (6-1, 4-6, 6-2) dalla tedesca Groenefeld
ROMA - Dopo la delusione di Bogotà della scorsa settimana, per Flavia Pennetta arriva un altro amaro epilogo. Nell'atto finale del torneo Wta «Abierto Mexicano Telcel 2006» (180.000 dollari, terra), disputato nella notte italiana ad Acapulco, l'azzurra è stata battuta in tre set dalla tedesca Anna-Lena Groenefeld, solida giocatrice classe 1985, che in classifica mondiale la segue di appena un paio di posizioni e che, nell'appuntamento messicano, era partita con il pettorale numero 2.
La pugliese, campionessa in carica e prima testa di serie del torneo, cede il primo set raccogliendo appena un game. Pareggiati i conti nel secondo, con il parziale di 64, al set decisivo Flavia subisce il gioco dell'avversaria e raccoglie appena due game, lasciando il «suo» titolo all'avversaria con il punteggio finale di 61 46 62. «La Groenefeld - le parole di Flavia al termine del match - ha iniziato il match in un modo perfetto. E' sempre stata aggressiva, non ha mai commesso errori e la palla arrivava potentissima. Dopo il secondo set pensavo di potercela fare, ma non esistono finali facili. Malgrado la sconfitta, comunque, considero Acapulco il mio miglior torneo della stagione... almeno qui ho vinto un set. A Gold Coast e Bogotà non c'ero riuscita».
Per Flavia Pennetta si trattava della nona finale della carriera nel circuito Wta, la terza di questa prima parte del 2006 dopo Gold Coast (battuta dalla Safarova) e Bogotà (ko con la Dominguez Lino). Per la tedesca, attuale numero 22 del ranking, che con Flavia non aveva mai incrociato la racchetta, si tratta del primo titolo in carriera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Foggia da lavori in corsoNeamber al rush finale

Foggia da lavori in corso
Neamber al rush finale

 
Lecce cerca i tasselli giustiBovo certezza per la difesa

Lecce cerca i tasselli giusti
Bovo certezza per la difesa

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS