Cerca

Cassano si rilancia: subito in rete nel derby di Madrid

Entra in campo per la prima volta da titolare in Real-Atletico (gara poi finita 2-1) ed è subito gol. Con un colpo di testa - quando erano trascorsi appena tre minuti dell'anticipo della 26ª giornata di Liga - il barese conquista il Bernabeu, archiviando le polemiche per la mancata convocazione di Ronaldo
MADRID - Entra in campo per la prima volta da titolare ed è subito gol. Con un colpo di testa - quando erano trascorsi appena tre minuti dall'inizio del derby tra il Real Madrid e l'Atletico, anticipo della 26ª giornata di Liga - Antonio Cassano conquista il Bernabeu, archiviando le polemiche per la mancata convocazione di Ronaldo.
Un piccolo capolavoro di prontezza, su un tiro diagonale di Guti per Zidane e un passaggio di grande precisione di Roberto Carlos. El Pibe de Bari non manca l'appuntamento con il pallone e lo colloca fuori dalla portata di Leo Franco. Poi esulta con Zidane sotto la tribuna, davanti allo striscione della curva che ricorda Florentino Perez e invoca "mano dura" al neo presidente delle "merengues", Fernando Martin. Tonino ringrazia col segno della croce il miracolo che si è ripetuto, dopo il gol del debutto contro il Betis in Coppa del re.
Preceduto da nuove polemiche sulla sua mancata forma fisica, dal sarcasmo sull'«investimento di peso» fatto dalla squadra bianca, 'el italianò si è confermato grande catalizzatore del gioco madridista. Nel primo match dell'era post-Florentino Perez, in un clima di estrema tensione, Lopez Caro ha scommesso su Casillas, Salgado, Helguera, Raul Bravo, Roberto Carlos, Gravesen, Beckham, Guti, Zidane; Baptista e Cassano come attaccanti. Ed ha visto giusto.
Il gol del raddoppio di Baptista in contropiede su passaggio di Bachkam arriva al 39', dopo che al 26' con un gol di tacco di Kezman, aveva assicurato all'Atletico il pareggio. Al 73', Cassano lascia il campo, sostituito dal capitano Raul. Ma l'ovazione e gli applausi tributati dai 70mila tifosi del Bernabeu in piedi sono tutti per lui, per El Pibe de Bari.
Antonio Cassano ha dedicato il suo primo goal nel campionato spagnolo all'ex presidente madridista Florentino Perez, colui che lo ha portato a Madrid e che si è dimesso a sorpresa lunedì scorso. «Voglio dedicare questo goal a Florentino Perez per tutto quello che è successo e perchè è stata la persona che ha avuto fiducia in me e mi ha acquistato», ha detto Cassano dopo la partita al Santiago Bernabeu.
«Rispetto le decisioni dell'allenatore perché al Real giocano i migliori attaccanti al mondo. Quando gioco cerco di dare il meglio», ha aggiunto il barese, assicurando di «non pensare se dopo la partita che ho fatto ieri giocherò contro l'Arsenal (mercoledì, in Champions League, ndr). L'importante è la vittoria della squadra e nella partita contro l'Arsenal l'importante è cercare il meglio per tutti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400