Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 07:39

Bari, società vendesi  Qualcosa si muove?

di FABRIZIO NITTI
BARI - C’è movimento attorno al Bari, o meglio attorno alla società dei Matarrese. Mentre tra mille difficoltà la squadra ha praticamente tagliato il traguardo salvezza, il club biancorosso è a caccia di acquirenti per poter continuare a vivere. Perché, in fondo, quello attuale è un semplice sopravvivere fra altrettante mille difficoltà ed una gestione minimale. Da tempo Antonio Matarrese ha detto di quanto la famiglia sia disposta a passare la mano, specificando poi in più riprese anche il «come».
Bari, società vendesi  Qualcosa si muove?
di FABRIZIO NITTI
BARI - C’è movimento attorno al Bari, o meglio attorno alla società dei Matarrese. Mentre tra mille difficoltà la squadra ha praticamente tagliato il traguardo salvezza, il club biancorosso è a caccia di acquirenti per poter continuare a vivere. Perché, in fondo, quello attuale è un semplice sopravvivere fra altrettante mille difficoltà ed una gestione minimale. Da tempo Antonio Matarrese ha detto di quanto la famiglia sia disposta a passare la mano, specificando poi in più riprese anche il «come». 

Cosa sta dunque accadendo? Pare che qualcosa cominci a muoversi. Che qualcuno stia cercando di avvicinarsi alla società. Niente di più di indiscrezioni, di «voci» raccolte qua e là, senza che ovviamente nessuno confermi nulla. Domani, o al massimo venerdì, potrebbe esserci un incontro fra i rappresentanti della famiglia che da tempo detiene il pacchetto di maggioranza del club, e Francesco Paolo Montemurro, un imprenditore della provincia barese proprietario della Nuova Meridionali Grigliati di Gioia del Colle. L'acronimo è Emmegi, azienda leader in Italia ed all'estero nella produzione e commercializzazione di grigliato elettrofuso,

recinzioni e cancelli marcati CE. Un’azienda che è già nel mondo dello sport grazie a due partnership con la New Volley Gioia e proprio l’As Bari. Chiariamo subito che non c’è una trattativa aperta e che, quindi, l’incontro servirà per avviare i primi contatti. Schermaglie iniziali, più o meno, anche se sembra che le «parti» si siano già incontrate qualche tempo fa.

Difficile, oggi, capire a cosa si potrà andare incontro, cosa potrà succedere. Ciò che appare possibile, che pare essere nelle intenzioni dell’imprenditore (che non sarebbe solo nell’avventura, ma con altra gente non per forza di cose barese, o italiana), è un «ingresso» nella società biancorossa, una sorta di «partecipazione» pesante. Noi entriamo, insomma, ma voi restate dentro. Una mossa che, naturalmente, poggia le sue radici in una situazione finanziaria ed economica ai limiti del sodalizio barese. E i debiti? Chiaro che la trattativa vera e propria, ammesso e non concesso che possa aprirsi, servirà anche e soprattutto a far luce su questo argomento, fino ad oggi il vero ostacolo. 

I Matarrese, però, hanno detto della loro disponibilità ad accollarsi il passivo esistente. Dunque, andrebbe fatta una valutazione secca della società di Strada Torrebella, al netto dei debiti. Parco giocatori, titolo sportivo, entrate dei diritti televisivi, contributi della Lega e quanto altro può girare attorno ad una società di calcio. 
(La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione