Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 09:19

Calcio/Serie B - Ventola: «È sempre un'emozione giocare a Bari»

Il barese, ora all'Atalanta, prossimo avversario dei biancorossi: «Ma ora sono concentrato sulla mia squadra. Dopo un anno di inattività in Inghilterra ho trovato l'ambiente giusto per rilanciarmi. Certo, se ci fosse nuova vitalità e la possibilità di costruire un progetto in grande stile, allora potrei tornare»
BARI - «Giocare contro il Bari? E' sempre una emozione, ma adesso sono concentrato solo sull'Atalanta. Dopo un anno di inattività in Inghilterra ho trovato l'ambiente giusto per rilanciarmi e ritornare in serie A»: l'attaccante dell'Atalanta Nicola Ventola non nasconde l'emozione-amarcord da barese che gioca contro la squadra nella quale è cresciuto, ma allo stesso tempo, da professionista, sogna la promozione con la maglia dei nerazzurri allenati da Colantuono. «Tornare a Bari? In una squadra che non lotta per la promozione, senza ambizioni - ha spiegato la punta - non mi ci vedo. Se ci fosse una nuova vitalità e la possibilità di costruire un progetto in grande stile, allora potrei prendere in considerazione la possibilità di tornare in Puglia». «In estate si è fatto il mio nome come possibile acquisto dei biancorossi - ha aggiunto - solo sui giornali. In realtà non c'è mai stata una vera trattativa, perché non sono mai stato contattato da nessuno. Seguo sempre i risultati del Bari e mi dispiace molto vedere uno stadio fantastico come il San Nicola sempre vuoto. Questa settimana però non posso fare altri discorsi perché devo pensare all'Atalanta che è in piena corsa per le prime posizioni».
Il giocatore, lanciato da Eugenio Fascetti, ha un rapporto con i suoi ex tifosi fatto di alti e bassi: una parte della tifoseria gli rimprovera un episodio avvenuto in un derby di molti anni fa (Ventola andò sotto la curva barese indossando la maglia del Lecce avendo scambiato la propria con un avversario); l'altra lo ricorda come uno dei migliori bomber cresciuti nel vivaio biancorosso (con il Bari in 42 partite ha segnato 12 reti). «Ho tanti bei ricordi dei miei primi anni di calcio nelle giovanili - ha raccontato Ventola - sono entrato nel Bari a dieci anni e ci sono rimasto fino a diciannove. Ora, dopo alcuni infortuni che mi hanno frenato negli ultimi anni, ho ritrovato la mia miglior forma e sto disputando un buon campionato. Avevo promesso ai miei tifosi - Bergamo ha un pubblico eccezionale - quindici reti: ne ho già fatte 11 e spero di superare nelle prossime partite il traguardo che mi ero posto ad inizio stagione».
«Segnare contro il Bari? Poi vediamo...»: con molta diplomazia il bomber degli orobici ha glissato la domanda sulla sua possibile esultanza in caso di gol segnato a Gillet (il grumese ha segnato ai biancorossi un solo gol in carriera, nel campionato 2000-2001, sempre con la maglia dell'Atalanta). La prima maglia è come il primo amore: non si scorda mai.

Intanto, il Bari, dopo una seduta di allenamento mattutino, ha disputato nel pomeriggio un incontro amichevole all'antistadio contro il Genzano (Eccellenza lucana), che aveva al seguito un gruppo di cinquanta tifosi. Il Bari ha vinto per 6-0 con reti di Pagano, Vantaggiato, Santoruvo, Mora, Goretti e Gigi Anaclerio (rigore). Non hanno preso parte all'amichevole il difensore Brioschi e il centrocampista Rajcic: il primo ha fatto fisioterapia per il persistere del dolore alla schiena, mentre il croato ha lavorato in modo differenziato.

Questi gli arbitri, gli assistenti e il quarto uomo designati per la 31ª giornata del campionato italiano di calcio di serie B in programma sabato alle 16

Arezzo-Verona (domani 20,45): Herberg di Messina (Giachero-Racanelli, Tozzi)
Atalanta-Bari: Palanca di Roma (Ceniccola-Di Prisco, Zanardo)
Avellino-Albinoleffe: Giannoccaro di Lecce (Cini-Petrella, Italiani)
Brescia-Pescara: Gava di Conegliano (Di Liberatore-D'Aguanno, Andolfatto)
Catania-Mantova (lunedì 20,45): Morganti di Ascoli (Ambrosino-Nicoletti, Didato)
Cesena-Piacenza: De Marco di Chiavari (Lanciani-Ballabio,Rubino)
Cremonese-Rimini: Preschern di Mestre (Cariolato-Tonolini, Nicodano)
Crotone-Catanzaro: Rocchi di Firenze (Toscano-Cuttica, Pagano)
Modena-Triestina: Squillace di Catanzaro (Battaglia-Vicinanza, Liotta)
Torino-Ternana: Ciampi di Roma (Carretta-Cavuoti, Zanichelli)
Vicenza-Bologna: Bergonzi di Genova (Grilli-Viazzi, Burdin).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione