Mercoledì 15 Agosto 2018 | 17:11

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il Catania corre, il Mantova insegue. L'Atalanta gioca lunedì

I siciliani espugnano il campo di Vicenza (applausi per Gonzalez, che torna allo stadio dopo l'amputazione del braccio destro), i lombardi battono il Crotone e superano in classifica i bergamaschi. Brusca caduta del Brescia a Trieste. In coda, vincono le ultime due, perdono invece Avellino, Ternana e Bari
Il Catania espugna il «Menti» e rinsalda la prima posizione in testa alla classifica. Dietro, il Mantova supera l'Atalanta che lunedì giocherà il derby mentre in fondo vincono le ultime due. La scena più bella si vede a Vicenza dove Gonzalez torna allo stadio dopo l'amputazione del braccio destro. Applausi da tutto lo stadio per l'ex giocatore paraguaiano reduce dallo spaventoso incidente d'auto di fine anno. In campo la vittoria del Catania non va sottovalutata contro la squadra di Camolese che era in netta ripresa. Il gol che spiana la vittoria alla formazione di Marino lo segna al 34' Biso: l'ex ascolano prende palla al limite e batte Sterchele (più volte protagonista in precedenza) con un tiro sotto la traversa. Nel finale in contropiede Mascara chiude i conti.
Vince il Mantova contro un Crotone che gli rende la vita difficile. La squadra di Di Carlo riscatta la sconfitta di Bergamo grazie specialmente alla doppietta di Gasparetto che si sblocca con la maglia del Mantova. Il primo gol arriva al 7' con un bel dribbling prima del tiro. Al 18' il raddoppio con Cioffi di testa su punizione di Poggi, mentre al 31' Zeytulaev accorcia le distanze per il Crotone facendo passare la palla sotto le gambe di Bellodi. Il 3-1 di Gasparetto arriva al 14' della ripresa, ancora sugli sviluppi di una palla ferma battuta da Poggi mentre alla mezzora Jeda approfitta di testa di un'uscita errata di Bellodi. Dieci minuti prima si era fatto cacciare per un'ingenuità il mantovano Spinale.
Alle spalle delle due di testa, il Cesena che espugna il «San Nicola» dopo due mesi e mezzo nei quali non era riuscita a vincere fuori casa. Morabito al 7' porta in vantaggio gli ospiti con un sinistro da fuori all'incrocio, al 25' primo gol in biancorosso per Ganci (solo a causa di un'errata applicazione del fuorigioco) che pareggia approfittando di un assist di Carrus per segnare al volo. Al 32' Pagano ribalta la situazione con un piatto destro dal limite, stavolta Ganci è l'autore dell'assist. A inizio ripresa Salvetti rimette tutto in parità e subito dopo Bernacci segna il 2-3 ma grave è l'errore di Brioschi che si lascia anticipare.
Brusca e inaspettata caduta del Brescia a Trieste. Le «rondinelle» vincono con l'esordiente Agostinelli in panchina grazie alla meravigliosa punizione a girare di Mammarella al 25' della ripresa.
In fondo come detto 3 punti sia per il Catanzaro che per la Cremonese. I giallorossi proseguono il buon momento avviato con Giordano in panchina e battono meritatamente un Modena che sembra avere pochi stimoli. Il gol vittoria è del solito Corona su rigore al 13' del secondo tempo e in classifica è agganciato al terz'ultimo posto l'Albinoleffe. La Cremonese batte un Avellino al solito inconcludente fuori casa. Al 10' Garzon segna l'1-0 decisivo per i grigiorossi con un gran tiro sotto la traversa sul quale il portiere degli irpini Cecere avrebbe potuto fare di più. Secondo successo di fila per gli uomini di Dellacasa.
Pari a Pescara tra gli adriatici e il Pescara (all'8' del secondo tempo Martinetti per gli ospiti, al 42' primo gol in B di Ciofani ma grave è l'espulsione per proteste dell'aretino Raimondi 10 minuti prima), nessun gol a Rimini tra i romagnoli e il Piacenza: padroni di casa senza i 3 punti da 8 partite.
Esordio con ko interno infine per Caso sulla panchina della Ternana. Ma ci mette del suo anche il rossoverde Corrent che si fa «cacciare» al 20' del primo tempo, un «rosso» che pare comunque eccessivo. I veronesi vanno in vantaggio con Rantier che in pallonetto segna al 6' della ripresa. Rigore per il Verona al 39' del secondo tempo: il portiere Berni stende Aurelio e viene espulso. Tira Adailton e partita chiusa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Foggia da lavori in corsoNeamber al rush finale

Foggia da lavori in corso
Neamber al rush finale

 
Lecce cerca i tasselli giustiBovo certezza per la difesa

Lecce cerca i tasselli giusti
Bovo certezza per la difesa

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS