Cerca

Calcio/Serie B - Il Catania torna in testa

Nella 29ª giornata, i bergamaschi avevano ottenuto 3 punti contro il Mantova, ma il Catania ad Avellino ha pareggiato ed è tornato in vetta alla classifica. Giornata favorevole anche al Brescia e al Torino. In coda, perdono Ternana, Albinoleffe e Catanzaro. Si rigioca tra due settimane
AVELLINO - Il Catania porta via solo un punto dal Partemio di Avellino, ma resta sempre in testa alla classifica della Serie B, con una lunghezza sull'Atalanta. Nel posticipo della 29ª giornata della Cadetteria l'Avellino impone l'1-1 alla capolista. Etnei in vantaggio al 24' della ripresa con il bomber Spinesi. Cinque minuti più tardi, però, il pari ad opera di Albino.

L'Atalanta aveva piegato un Mantova con il «mal di trasferta». Ospiti in vantaggio con Lanzara al 27', e il difensore è ancora l'uomo più pericoloso nel primo tempo. La ripresa si apre con l'avanzamento di Ariatti deciso da Colantuono: cambia tutto, arriva subito il pari di Rivalta dal limite, al 7' l'espulsione per doppio giallo dello stesso Lanzara e al 43' D'Agostino (entrato da poco) decide ancora dalla distanza. I bergamaschi in casa hanno perso 4 punti sui 42 in palio.
Alle spalle del terzetto di testa, si riaffaccia il Brescia, giunto alla 5ª vittoria di fila sul proprio terreno. Nel derby lombardo con l'Albinoleffe apre le danze al 30' Possanzini, che festeggia il rinnovo appena firmato fino al 2009 con un diagonale vincente. Nella ripresa in 6' la partita viene chiusa dalle rondinelle: subito Stankevicius per Bruno, che in contropiede realizza il 2-0 facile facile e al 6' gran punizione di Milanetto.
Segue il Toro, che si riscatta dal ko nell'ultimo turno piegando il Catanzaro per 2-0: i gol nella ripresa, al 33' Brevi con un colpo di testa in mischia, al 40' Abbruscato. Ko invece del Bologna a Crotone. Due rigori di Jeda, al 3' per un fallo di mani e al 26' per atterramento di Zeytulaev, indirizzano la partita in un primo tempo. Nella ripresa Pellè di testa chiude la gara, ma Pagliuca non è impeccabile.
Appena fuori dalla zona play-off l'Arezzo che è fermato sullo 0-0 dal Vicenza, ma anche il Pescara che rimonta lo svantaggio a Verona. Al 16' Munari di testa porta in vantaggio gli scaligeri (ma era troppo solo a centro area) pochi secondi dopo un palo di Sforzini, al 22' Croce di piatto dopo un controllo volante ha tempo e spazio per trovare l'angolo lontano.
Dopo 3 mesi torna alla vittoria in Modena, contro la Ternana. Al 18' Graffiedi realizza l'1-0 approfittando di una respinta su tiro di Bucchi, al 90' lo stesso capocannoniere del torneo raddoppia su rigore, decretato per atterramento di Campedelli per opera del portiere Berni.
Due pareggi per 1-1, per concludere. A Piacenza il vantaggio interno di Cacia dopo appena 3' è impattato dal barese Pagano al 44', grazie a una bella azione personale. Infine, a Trieste al 10' il portiere di casa Rossi sbaglia un rigore colpendo la traversa, ma al 23' Eliakwu, ben servito da Di Venanzio, sull'uscita di Dei porta in vantaggio gli alabardati. Al 40' del secondo tempo infine il pari di Rabito che insacca in «tap in» un tiro di Motta respinto da Rossi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400