Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 06:56

«Cassano ci ricasca» Litiga con l'allenatore e viene escluso e multato

APPIANO GENTILE (COMO) – La prima cassanata nerazzurra è arrivata all’inizio del mese «pazzo». L’aria di marzo non ha portato fortuna all’Inter, che sulla strada per il terzo posto troverà domani uno scoglio duro come il Catania e dovrà superarlo senza il suo giocatore di maggior fantasia, Antonio Cassano, per il quale è in arrivo una multa dalla società. Il calciatore basese litiga con l'allenatore e viene escluso e multato dalla società
«Cassano ci ricasca» Litiga con l'allenatore e viene escluso e multato
APPIANO GENTILE (COMO) – La prima cassanata nerazzurra è arrivata all’inizio del mese «pazzo». L’aria di marzo non ha portato fortuna all’Inter, che sulla strada per il terzo posto troverà domani uno scoglio duro come il Catania e dovrà superarlo senza il suo giocatore di maggior fantasia, Antonio Cassano, per il quale è in arrivo una multa dalla società. Dopo aver puntato sull'attaccante per gran parte della stagione, Stramaccioni ha deciso per l’inevitabile rinuncia in conseguenza di uno scontro verbale a margine dell’allenamento di ieri, dovuto secondo alcune indiscrezioni al comportamento tenuto dal giocatore, condito da espressioni verbali tipiche del personaggio e poco gradite da parte del gruppo. Tecnico compreso. 

«La non convocazione non equivale ad una sospensione, è una mia decisione. Quanto accaduto ieri va riportato nei binari delle cose che possono accadere. Una discussione senza assolutamente alcun contatto, come ne posso aver avute altre con i miei giocatori – ha raccontato l’allenatore in conferenza stampa -. Sono cose che devono rimanere nello spogliatoio, mi dà molto fastidio che sia stata riportata all’esterno perchè sono cavoli nostri e chi l’ha fatto non ci vuole bene». 

La situazione ha creato un certo imbarazzo nell’ambiente, il presidente Moratti ha chiesto informazioni telefonicamente su quanto accaduto, ma non ha ritenuto di assistere alla rifinitura effettuata in mattinata alla Pinetina. Cassano ha incontrato invece Branca e Ausilio per poi lasciare Appiano Gentile nel pomeriggio, precedendo l’uscita del pullman con all’interno i compagni di squadra. Lo stesso sul quale l’attaccante barese salirà per andare a Londra mercoledì prossimo. «Se Cassano fosse stato sospeso non lo vedreste allenarsi con noi, come oggi ha fatto. Salvo imprevisti sarà nei diciotto convocati per la gara contro il Tottenham», ha confermato Stramaccioni. Pur nel tentativo di ricomporre la frattura, necessario per non depauperare ulteriormente un parco attaccanti ridotto all’osso, è attualmente poco probabile che società e giocatore trovino a breve un accordo per il prolungamento del contratto in scadenza nel 2014, come era stato recentemente ipotizzato. 

Escluso Cassano, Stramaccioni si avvicina ad un appuntamento cruciale come quello di domani al Massimino con i soli Rocchi, Palacio e il giovanissimo Colombi in attacco. A partire da domani, quando l’Inter si giocherà una buona fetta delle possibilità di raggiungere il terzo posto. «Dobbiamo fare punti, la corsa è aperta – ha detto ancora il tecnico -. Ad oggi quello con il Catania è uno scontro diretto su un campo storicamente difficile, ma a questa partita arriviamo mentalmente bene perchè abbiamo potuto allenarci tutta la settimana». Senza il caso Cassano l’Inter ci sarebbe arrivata anche meglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione