Cerca

Taranto, esonerato Marino. Arriva Papagni

Il nuovo tecnico ha firmato il contratto con gli ionici che lo lega fino al giugno prossimo. Subentra dopo la terza sconfitta consecutiva subita nel campionato di C2, due in casa e l'ultima domenica scorsa a Melfi. «Datemi una settimana di tempo. Comunque i play-off sono a portata di mano»
TARANTO - «Datemi una settimana di tempo per fare valutazioni. Per quello che ho potuto vedere fino ad oggi, il Taranto mi sembra una buona squadra e i play-off sono comunque a portata di mano». Sono le prime dichiarazioni di Aldo Papagni da allenatore del Taranto (serie C2, girone C). Papagni, di 50 anni, ha firmato oggi il contratto con il Taranto che lo lega fino al giugno prossimo. Subentra a Raimondo Marino, esonerato ieri sera dalla società dopo la terza sconfitta consecutiva subita in campionato, due in casa e l'ultima domenica scorsa a Melfi.
«Ho accettato con entusiasmo - ha aggiunto Papagni - perché Taranto è una piazza importante. Qui sono stato come allenatore quando guidavo il Tricase, cinque anni fa, e mi ricordo la grande presenza di pubblico e un tifo caloroso. Il modulo di gioco? Una squadra deve sapersi adattare a varie situazioni, vedremo in questi giorni».
Papagni ha diretto il primo allenamento dove la squadra è rientrata dopo una settimana di ritiro a Telese (Benevento) che però non è servita ad evitare la sconfitta di Melfi. Per l'esordio di domenica prossima, in casa contro la Vigor Lamezia, Papagni - che nel recente passato ha allenato l'Andria (ripescaggio in C1) e proprio il Melfi (esonero l'anno scorso alla 20ª giornata) - dovrà fare a meno del difensore centrale Pastore, squalificato per tre giornate dopo l'espulsione nell'ultima gara di campionato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400