Cerca

Meno feriti tra tifosi e forze di polizia nelle partite di A

Dopo cinque mesi di applicazione delle norme introdotte contro la violenza negli stadi il bilancio tracciato dall'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive è positivo. Ci sono anche meno persone denunciate e arrestate, ridotto l'uso dei lacrimogeni
ROMA - Meno feriti tra i tifosi e tra le forze di polizia nelle partite di serie A, meno persone denunciate e arrestate, ridotto l'uso dei lacrimogeni, meno uomini impegnati nei controlli e dunque risparmio economico. Dopo cinque mesi di applicazione delle norme introdotte dal ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu, contro la violenza negli stadi il bilancio tracciato oggi dal presidente dell' Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, Francesco Tagliente, è positivo.
Gli scontri con feriti nelle partite di serie A sono diminuiti del 57% (del 30% in serie B e 42% in serie C); gli scontri con lacrimogeni sono diminuiti dell'83%(33% in serie B e 25% in serie C); i feriti tra le forze di polizia sono scesi dell'87%( 18% in serie B e 49% in serie C); i feriti tra i tifosi sono diminuiti del 16% (aumentati del 19% in serie B e diminuiti del 62% in serie C); le persone arrestate sono diminuite del 54%( aumentate del 129% in serie B e diminuiti del 5% in serie C); le persone denunciate sono diminuite del 64% (aumentate del 16% in serie B e diminuite del 30% in serie C).
Le nuove misure e in particolare i biglietti nominativi hanno determinato in serie A una riduzione del 17% del personale delle forze di polizia per un totale di 8.627 unità con un risparmio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno de 1.941.000 euro.
L'occasione per fare il punto sull'applicazione delle norme in questa prima parte del campionato di calcio è stata una tavola rotonda organizzata all'Istituto superiore di Polizia alla quale hanno preso parte, tra gli altri, il questore di Roma, Marcello Fulvi, il capo di Gabinetto del ministro della Giustizia e giudice sportivo, Settembrino Nebbioso, il segretario della Figc, Francesco Ghirelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400