Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 06:02

«Sono sicuro che andrò al mondiale»

Calcio - Antonio Cassano al Real Madrid MADRID - «Giocando nel Real sono sicuro che andrò al mondiale». È il messaggio, dai microfoni di Italia 1, che Antonio Cassano manda al ct Marcello Lippi nel giorno in cui si appresta a cominciare la sua avventura madrilena. Un messaggio di fiducia («mi rimetto in forma e sono sicuro di giocare») accompagnato da una vena polemica nei confronti della Roma e di tutto il calcio italiano che secondo il barese non ha creduto in lui e lo ha colpevolizzato più del meritato.
«Ancora non realizzo quel che sto vivendo, ma sto iniziando l'avventura che ho sempre sognato» ha esordito Cassano ai microfoni di Mediaset. «In Italia mi hanno sempre massacrato - ha proseguito - qui sono pronto a cambiare modo di vivere e comportamenti. Perchè errori ne ho commessi, ma le colpe non sono state soltanto mie e quando ho sbagliato ho sempre pagato».

Polemico, il barese, soprattutto con chi, secondo lui, sosteneva che non avesse mercato. «Non era vero - ha detto - ma adesso non voglio elencare tutte le squadre che erano interessate. Dico solo che mi ha cercato quella più importante del mondo e questa è una grande rivincita».
Quanto all'appuntamento con germania 2006, Cassano non ha dubbi: «Adesso mi rimetto in forma, comincio a giocare con il Real e se starò bene ci sarò sicuramente».
Un pensiero anche al futuro e, senza false modestie al traguardo del Pallone d'Oro. «Madrid - riconosce il barese - è una tappa molto importante, qui si vince spesso e spero di cominciare e mettere un mattoncino sia per ottenere soddisfazioni con la squadra sia a livello personale».

CONSEGNATA MAGLIA REAL, AVRA' N. 19
E' cominciata con la consegna della maglia, nel palco d'onore dello stadio Bernabeu, l'avventura di Antonio Cassano nel Real Madrid. A dargli quella con il numero 19, è stato il vicepresidente del club 9 volte campione d'Europa, Emilio Butragueno.
Ora Cassano l'indosserà sul campo, dove farà alcuni palleggi a beneficio dei fotografi e del pubblico (al Bernabeu è piena una curva).
Pochissime le parole dette dal giocatore, apparso visibilmente emozionato: «sì, sono molto emozionato - ha detto - e anche molto contento di vestire la maglia della squadra più importante del mondo. Grazie a chi mi ha voluto e portato qui».
Da Butragueno Cassano ha ricevuto anche un modellino in argento dello stadio Santiago Bernabeu.
Emilio Butragueno, nel consegnare la maglia bianca al nuovo acquisto del Real, ha presentato Cassano come un «talento indiscutibile». E il 23/enne attaccante di Bari ha subito voluto prendere confidenza con il suo nuovo ambiente, salutando con poche parole in spagnolo: «Muchas gracias» e «Hala Madrid!» (Forza Madrid), ha detto tenendo la casacca con il suo nome rivolta verso i fotografi.

Questa mattina Cassano ha superato senza problemi il controllo medico all'ospedale La Zarzuela di Madrid. Al Santiago Bernabeu, Butragueno non si è risparmiato in elogi per l'ex giallorosso: «E' un talento indiscutibile e un giocatore eccellente. Nonostante la sua età, è da anni ai livelli più alti del calcio italiano e sa reggere la pressione delle grandi sfide. E' anche cosciente che fare parte del Real Madrid richiede il massimo impegno».
Circa 300 tifosi madridisti sugli spalti dello stadio lo hanno applaudito alla fine della presentazione. Assenti il presidente onorario Alfredo di Stefano, ancora ricoverato in ospedale dopo l'infarto che lo ha colpito la sera di Natale, e il presidente Florentino Perez, in vacanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione