Cerca

Su Bellomo c'è l’Inter il Bari alla finestra

di FABRIZIO NITTI
BARI - La notizia è esplosa fragorosamente. C’è anche l’Inter di Moratti sul talento barese Nicola Bellomo. Davide Lippi, il procuratore del centrocampista, con una mano nasconde e con l’altra scopre, anche perché nel calcio essere scaramantici è quasi doveroso. «L’Inter? Apprezza molto Bellomo, ne abbiamo parlato. Ma di qui a dire che la trattativa si chiuderà, ce ne vuole». L’agente del ragazzo della Città Vecchia ha comunque confermato di essere stato avvicinato ieri mattina dagli uomini mercato interisti (Ausilio), pur tenendo a precisare che «Bellomo non piace solo all’Inter
La favola bella del calcio nato tra i vicoli di Bari vecchia di Gaetano Campione
Su Bellomo c'è l’Inter il Bari alla finestra
di Fabrizio Nitti

BARI - La notizia è esplosa fragorosamente. C’è anche l’Inter di Moratti sul talento barese Nicola Bellomo. Davide Lippi, il procuratore del centrocampista, con una mano nasconde e con l’altra scopre, anche perché nel calcio essere scaramantici è quasi doveroso. «L’Inter? Apprezza molto Bellomo, ne abbiamo parlato. Ma di qui a dire che la trattativa si chiuderà, ce ne vuole». L’agente del ragazzo della Città Vecchia ha comunque confermato di essere stato avvicinato ieri mattina dagli uomini mercato interisti (Ausilio), pur tenendo a precisare che «Bellomo non piace solo all’Inter, al Genoa o al Chievo. Con grande rispetto per questi ultimi club, ci sono altre società dello stesso livello dell’Inter». Roma? Napoli? Juve? Più Roma che le altre, considerando il buon rapporto che intercorre fra Angelozzi e Sabatini e l’ultimo affare barese targato Tallo (il giocatore ivoriano oggi sosterrà il primo allenamento con la maglia biancorossa). Ipotesi aperte, ma la certezza di una cosa: alle «grandi» è tornata la passione per la linea verde «made in Italy». E il gioiello barese è uno di quelli che ha smosso le acque.

Viene facile il paragone. Nicola Bellomo come Antonio Cassano. Entrambi della Città Vecchia, entrambi con il pallone nel sangue. Entrambi, pure, tifosi interisti. Sembra quasi che il destino si insegua. Vedere due baresi in maglia nerazzurra, oggettivamente, sarebbe una grande soddisfazione. Bellomo, però, ha mostrato di avere una maturità diversa rispetto al Cassano ventenne. Niente colpi di testa, niente «sceneggiate», né sul campo e nè fuori. 

Angelozzi da ieri è a Milano, dove oggi parteciperà all’assemblea di Lega. L’ipotesi di un incontro con i dirigenti interisti non è campata in aria. Attraverso questo «movimento» può passare la salvezza del Bari. La metà barese del giocatore (l’altra è del Chievo) è valutata 2500000 euro, una cifra che il Bari deve incassare in «contanti» per ovviare ai problemi che assillano il club. Quanto a liquidità, l’Inter non sembra essere in difficoltà, nonostante la «spending review» imposta da Moratti. 

 

La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400