Cerca

Vucinic squalificato per una giornata

Salterà Chievo-Lecce. La squadra di Pillon non avrà D'Anna. Fermati in A altri 9 giocatori. Una giornata al campo della Fiorentina (e ammenda di 5.000 euro) per il lancio di oggetti e di razzi (uno steward dell'Empoli ha subito lesioni all'occhio destro) effettuato dalla sua tifoseria. In B, stop per Esposito (Bari)
MILANO - Sono 11 i giocatori squalificati dal giudice sportivo, Maurizio Laudi, dopo le gare della 17esima giornata giocate ieri. Due giornate di stop sono state inflitte a Dossena (Treviso) e Del Grosso (Ascoli). Un turno di squalifica, invece, per Tedesco (Reggina, per lui anche un'ammenda di 1.000,00 euro), D'Anna (Chievo), Vucinic (Lecce), Lopez (Cagliari, ammenda di 1.000,00 euro), Cristante (Messina), Dabo (Lazio), De Rossi (Roma), Muntari (Udinese), Zambrotta (Juventus).
Per quanto riguarda gli allenatore un turno di squalifica e 10.000,00 euro di multa per il tecnico della Reggina, Walter Mazzarri. Ammenda di 1.500,00 euro, invece, per il ds del Palermo Rino Foschi. Per quanto riguarda le società ammende per Ascoli (15.000,00 euro più diffida), Reggina (12.500,00), Livorno (7.000,00), Lecce (5.000,00), Fiorentina (4.500,00), Messina (4.500,00), Juventus (2.500,00), Milan (2.000,00), Inter (1.500,00) e Roma (1.500,00).
Il giudice sportivo ha squalificato per un turno il campo della Fiorentina e ha inflitto un'ammenda di 5.000 euro alla società viola per il lancio di oggetti e di razzi effettuato dalla sua tifoseria nel corso della partita Empoli-Fiorentina.
In particolare, un petardo lanciato dai tifosi della Fiorentina ha colpito uno steward dell'Empoli che ha subito lesioni all'occhio destro.
Il ferimento di uno steward è stato quindi causato dalla «condotta violenta da parte dei tifosi della Fiorentina», dato che non solo «ha causato un danno grave all'incolumità fisica di una persona», ma anche determinato «una situazione di pericolo per l'incolumità pubblica, considerate sia la tipologia di oggetti lanciati sia l'idoneità degli oggetti stessi a colpire un numero differenziato di persone».
Nel corso del derby toscano, infatti, dal settore degli ultrà viola sono arrivati in campo petardi e parti di accessori sanitari in precedenza divelti dai servizi igienici della curva.
Il giudice ha tenuto conto, inoltre, della diffida avuta dalla Fiorentina per il comportamento violento dei suoi sostenitori in occasione della gara di coppa Italia contro la Juventus. Secondo quanto prevede l'articolo 11 del codice di giustizia sportiva, è scattata obbligatoriamente la squalifica del campo per la società viola e le ha inflitto un'ammenda di 5.000 euro per l'accensione e il lancio di fumogeni e di una bottiglia.
Il giudice, in merito alle partite della 21^ giornata di campionato, ultima di andata, ha squalificato 16 giocatori. Per tre giornate è stato fermato Anastasi (Catania), per due Martinelli (Vicenza) e per una Esposito (Bari), Kyriazis (Triestina), Martinelli, Ardito (Torino), Barbagli, Confalone (Arezzo), Bombardini (Atalanta), Borghetti (Crotone); Gyan (Modena), Helguera (Vicenza), Lanzara (mantova), Mensah (cremonese), Millesi (avellinO), Stankevicius (Brescia). Tra el società ammende a Verona (7.500 euro), Arezzo (7.000 euro), Pescara (5.000 euro), Catanzaro (2.500 euro), Avellino (1.500 euro), Catania (1.250 euro).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400