Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 17:41

Baby Pellegrino, pilastro della nazionale Under 16

di Mino Dell'Orco
BISCEGLIE - Il 2012 lo ha incoronato tra i migliori prospetti del tennis azzurro. Classe 1997, alla prima stagione nella categoria Under 16, il biscegliese Andrea Pellegrino si è giocato con talento ed autorevolezza le proprie chance nel circuito internazionale Itf inanellando una serie di prestazioni gratificanti.
Dalla parentesi keniota ai tornei del circuito Under 18 e U16 sparsi in tutta Europa, passando per la proficua esperienza in Sudamerica nell’ultimo segmento dell’anno, Pellegrino ha evidenziato una costante crescita tecnica e caratteriale, corroborata dall’escalation nella graduatoria Itf Under 18
Baby Pellegrino, pilastro della nazionale Under 16
di Mino Dell'Orco 

BISCEGLIE - Il 2012 lo ha incoronato tra i migliori prospetti del tennis azzurro. Classe 1997, alla prima stagione nella categoria Under 16, il biscegliese Andrea Pellegrino si è giocato con talento ed autorevolezza le proprie chance nel circuito internazionale Itf inanellando una serie di prestazioni gratificanti.
Dalla parentesi keniota ai tornei del circuito Under 18 e U16 sparsi in tutta Europa, passando per la proficua esperienza in Sudamerica nell’ultimo segmento dell’anno, Pellegrino ha evidenziato una costante crescita tecnica e caratteriale, corroborata dall’escalation nella graduatoria Itf Under 18. «Abbiamo preferito puntare su tornei in cui potesse misurarsi con giocatori più grandi e smaliziati – spiega papà Mimmo, responsabile della preparazione fisica e tecnico federale - . Il bilancio è assai positivo, con gli acuti rappresentati dalle semifinali raggiunte a Nairobi, Waiblingen e ai Campionati Italiani Under 16, unico tennista del ’97 ad essere arrivato così in alto. Il merito dei suoi progressi va condiviso assieme ai tecnici Daniele Micolani e Adriano Cassano con cui si allena all’Angiulli di Bari. Inoltre da ottobre, per una settimana al mese, si reca nel centro tecnico federale di Tirrenia, dove è visionato da Eduardo Infantino, ex coach di Bolelli e Baghdatis».
Il nuovo anno di Pellegrino partirà con una sfilza di appuntamenti interessanti: da sabato 5 sarà impegnato con la rappresentativa azzurra Under 16 guidata da Stefano Pescosolido in due tornei (Repubblica Ceca e Austria) propedeutici al girone di qualificazione della Winter Cup, prevista dal 2 al 4 febbraio in Bielorussia. I suoi obiettivi prioritari per il 2013 saranno l’ingresso nei tabelloni principali dei tornei del Grande Slam Under 18.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione