Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 12:28

Serie B - Triestina-Bari finisce senza acuti

Pareggio dei biancorossi (0-0) nel turno infrasettimanale che ha chiuso il girone di andata. Gara senza molte emozioni (che la squadra di Carboni ha affrontato in emergenza). Entrambe le squadre in dieci sul finire dell'incontro. Prossima avversaria la Ternana (in Umbria il 7 gennaio)
TRIESTINA-BARI 0-0

TRIESTINA: Rossi 6, Kyriazis 5.5, Pianu 6.5, Di Venanzio 6.5, Minieri 5.5, Briano 5.5, Pagliuca 6, Galoppa 6.5, Esposito 6 (18' st Tulli 5.5), Ba 5.5 (29' st. Albino 5.5), Godeas 6. In panchina: Agazzi, Zeoli, Azizou, Groppi, Lima. Allenatore: De Falco-Russo 6.
BARI: Gilet 6.5, Esposito 5.5, Biagio 6 (31' st Candrina 6), Gazzi 6, Rajcic 6, Bellavista 6, Anaclerio M. 5.5, Micolucci 5.5, Anaclerio L. 6, La Vista 6.5 (29 st. Mora 6), Santoruvo 5.5. In panchina: Spadavecchia, Berardi, Belmonte, Goretti, Maah. Allenatore: Carboni 6. ARBITRO: Ciampi di Roma 6.
NOTE: giornata fredda, terreno in discrete condizioni, spettatori 4000 circa. AngolI 8 a 7 per la Triestina.
Ammoniti: Esposito Marco, Kiryazis. Espulsi: 36' st Kyriazis per doppia ammonizione, al 38' st Esposito Marco per doppia ammonizione. Recupero: 2'; 4'. Al 29' del st. L'arbitro ha segnalato e fatto togliere dalla curva della triestina uno striscione che inneggiava a Paolo Di Canio e al suo saluto romano.

TRIESTE - Reti inviolate tra Triestina e Bari, al «Nereo Rocco» del capoluogo giuliano, al termine di un confronto dai limitati contenuti spettacolari e dalle rare opportunità da rete. In una gelida serata, le due squadre (entrambe ridotte in dieci al fischio conclusivo per le espulsioni di Kyriazis e Marco Esposito, entrambe per doppia ammonizione) hanno così dovuto accontentarsi di un punticino che non modifica le rispettive situazioni in graduatoria.
Tra i giuliani ancora problemi di organico per il direttore generale-allenatore Franco De Falco che, affiancato dal nuovo tecnico 'titolarè Vittorio Russo, scende per l' ultima volta in panchina da protagonista. In attesa che si esaurisca la squalifica di Borgobello e con Peccarisi bloccato per un turno dal giudice sportivo, al fischio iniziale rimangono ancora in infermeria Ciullo, Eliakwu, Gorgone e Rigoni. Dopo il mezzo miracolo di Mantova (dallo 0-2 al 2-2) la Triestina torna all' assetto 4-4-2 con Kyriazis al centro della difesa, Minieri preferito ad Azizou sulla corsia arretrata destra e Di Venanzio nuovamente titolare su quella opposta. Ancora dolorante Tulli, in prima linea viene confermato Massimiliano Esposito al fianco di Godeas con Baù esterno mancino.
Numerose assenze, tuttavia, complicano la vita anche al Bari di Guido Carboni che deve rinunciare a Brioschi, Carrus, Scaglia, Sibilano e Vantaggiato. Il tecnico pugliese, quest' anno mai vittorioso in trasferta, sceglie di schierare i suoi con un 4-2-3-1 iniziale con Santoruvo unico terminale offensivo. La consolazione arriva dal rientro di Bellavista dopo lo stop per squalifica mentre il compito di proteggere la porta difesa da Gillet spetta ad una difesa a quattro protetta in mediana da Gazzi e Rajcic.
Al fischio iniziale gli ospiti sembrano più in palla rispetto ai padroni di casa, apatici e confusionari. E lo dimostrano già al 4' quando Luigi Anaclerio, dal limite dell' area giuliana, accarezza il palo esterno della porta difesa da Rossi. La risposta locale è tutta in un tiraccio di Briano all' 8'. Poi solo schermaglie a centrocampo fino al 21' quando il signor Ciampi di Roma annulla giustamente una segnatura a Godeas, troppo irruento nel catapultarsi su una palla rimalzata dalla sue parti. Ma la Triestina cresce, prende in mano le redini del gioco e al 31' va al tiro con Galloppa ma il suo destro teso si perde sul fondo. Al 38', infine, Gillet esce coraggiosamente per anticipare Massimiliano Esposito su traversone di Di Venanzio. Quindi, prima del riposo, ancora due conclusioni dalla distanza di Galloppa, sempre imprecise.
Locali proiettati in avanti anche dopo l' intervallo e, al 3', Gillet si rivela due volte pericoloso prima su calcio piazzato di Di Venanzio e poi su destro di Godeas in corsa. Al 26', sul versante opposto, tocca all' inoperoso Rossi mettersi in luce opponendosi in uscita su una puntata di Santoruvo scattato sul limite del fuorigioco.
Tra il 35' e il 37' le due squadre rimangono in dieci: fatale il secondo cartellino giallo sventolato prima sotto il naso di Kyriazis e poi sotto quello di Marco Esposito. Le ultime piccole emozioni al 42' con Rossi decisivo nel respingere un calcio piazzato di Mora e Gillet tranquillo su deviazione aerea di Tulli.

Solo quattro gol al termine dei primi tempi, una valanga di emozioni nella ripresa (pochine solo a Trieste). La Serie B non si smentisce e nell'ultimo turno dell'anno (il ventunesimo) preserva il Mantova da brutte sorprese. Se la capolista è attesa nel posticipo di domani a Pescara, non riesce ad agganciarla anche momentaneamente il Catania, che sul campo dell'Albinoleffe coglie il 2-2 solo nei minuti di recupero. Le reti tutte nel secondo tempo, con i bergamaschi, che non segnavano da tempo immemore, in vantaggio con Joelson al 7' e poi raggiunti solo da un'autorete di Garlini. Alla mezz'ora Gori sembra mettere la parola fine ad una sfida che gli etnei raddrizzano, anche con l'uomo in meno, con Del Core al 48'.
Grandi emozioni al Braglia di Modena, dove i canarini non perdono l'imbattibilità e l'Atalanta non rimedia l'ottava sconfitta in trasferta. Facile intuire che finisce con il pari, un altro 2-2: emiliani avanti al 17' con una gran giocata di Tisci, orobici sull'1-1 all'8' della ripresa con D'Agostino. Ventola, appena entrato, manda in visibilio la sua panchina (ma Colantuono sarà espulso), Bucchi al 26' infila su rigore la sua 17esima perla che fissa lo score.
Sale al terzo posto il Torino, che rischia con la Cremonese ma passa con un diagonale preciso e velenoso di Fantini al 29' del secondo tempo. Partita nervosa al 'Bentegodì tra Verona e Cesena: si segna sempre al 22', nel primo tempo con l'ex Papa Waigo (che si becca i soliti ululati razzisti) e al 22' con Rantier, che evita agli scaligeri il passo falso.
Non perde il treno delle migliori il Brescia, che con la forza del collettivo spezza il fiato al Crotone. Un gol per tempo: Bruno al 21', Mareco al 20' del secondo tempo. Quanto basta alle rondinelle per proseguire il volo. Ed è un ex bresciano, Danilevicius, ad aprire le marcature di Avellino-Ternana: il lituano gonfia la rete al 31', gli umbri evitano il peggio al secondo minuto dell'ultimo recupero con Fanasca.
Ossigeno puro per il Bologna, che va ad espugnare per 2-0 il campo del Catanzaro sempre più fanalino di coda (con la Cremonese): a far passare un bel Natale a Mandorlini sono Smit e Loviso (rigore), letali entrambi nella seconda frazione (18' e 46'). Trema la panchina di Camolese perchè il suo Vicenza cade a Rimini per 1-0, messo al tappeto dal gol dell'interessantissimo Motta al 27' della ripresa. Domani, infine, anche Arezzo-Piacenza.

Risultati della 21ª giornata del campionato di calcio di serie B

A Bergamo: Albinoleffe-Catania 2-2
Ad Avellino: Avellino-Ternana 1-1
A Brescia: Brescia-Crotone 2-0
A Catanzaro: Catanzaro-Bologna 0-2
A Cremona: Cremonese-Torino 0-1
A Modena: Modena-Atalanta 2-2
A Rimini: Rimini-Vicenza 1-0
A Trieste: Triestina-Bari 0-0
A Verona: Verona-Cesena 1-1
Ad Arezzo: Arezzo-Piacenza 1-0 (giocata mercoledì)
A Pescara: Pescara-Mantova 2-1 (giocata mercoledì)

CLASSIFICA DOPO LA 21ª GIORNATA

Legenda: squadra, punti, partite giocate, vinte, pareggiate, perse, gol fatti, gol subiti

Pt Pg Pv Pn Pp Gf Gs
Mantova 42 21 11 9 1 28 14
Catania 40 21 11 7 3 33 22
Torino 39 21 11 6 4 22 13
Atalanta 38 21 12 2 7 32 23
Cesena 36 21 10 6 5 32 22
Brescia 34 21 8 10 3 26 17
Modena 32 21 7 11 3 29 19
Arezzo 32 21 8 8 5 24 17
Verona 31 21 7 10 4 23 16
Rimini 29 21 8 5 8 25 24
Pescara 29 21 8 5 8 24 25
Triestina 28 21 7 7 7 21 23
Bologna 27 21 6 9 6 24 24
Crotone 27 21 7 6 8 20 20
Piacenza 27 21 6 9 6 26 23
Bari 24 21 5 9 7 21 24
Vicenza 24 21 6 6 9 22 29
Ternana 21 21 4 9 8 16 28
Avellino 16 21 3 7 11 18 35
Albinoleffe 15 21 2 9 10 14 26
Catanzaro 11 21 2 5 14 11 31
Cremonese 11 21 2 5 14 16 31

CLASSIFICA CANNONIERI

17 RETI: Bucchi (7 rig.)(Modena).
13 RETI: Bellucci (1 rig.)(Bologna); Spinesi (3 rig.) (Catania).
11 RETI: Adailton (2 rig.) (Verona).
9 RETI: Abbruscato (3 rig.)(Arezzo); Matteini (1 rig.) (Pescara); Godeas (3 rig.) (Triestina).
8 RETI: Ventola (2 rig.)(Atalanta); Santoruvo (Bari); Corona (1 rig.) (Catanzaro); Cacia (Piacenza); Ricchiuti, Motta (1 rig.)(Rimini); Gonzalez (Vicenza).
7 RETI: Danilevicius (Avellino); Bernacci (Cesena); Carparelli (2 rig.) (Cremonese); Noselli (1 rig.) (Mantova); Frick (Ternana); Fantini, Muzzi (Torino).
6 RETI: Floro Flores (Arezzo); Bruno (Brescia); Salvetti (1 rig.)(Cesena).
5 RETI: Bonazzi (2 rig.)(Albinoleffe); Soncin (Atalanta); Milanetto (2 rig.), Possanzini (Brescia); Mascara (Catania); Ferreira Pinto (Cesena); Graziani, Tarana (Mantova); Asamoah (Modena); Cammarata (1 rig.)(Pescara).
4 RETI: Moretti (Avellino); Vantaggiato (Bari); Stankevicius (Brescia); Jeda (1 rig.), Guzman (2 rig.) (Crotone); Caridi (Mantova); Degano (Piacenza); Stellone (Torino).
3 RETI: Testini (Albinoleffe); Loria, Saudati (Atalanta); Caserta (Catania); Ciaramitaro, Papa Waigo (Cesena); Poggi (3 rig.) (Mantova); Bonfiglio, Jadid (Pescara); Ganci (2 rig.) (Piacenza); Jimenez (1 rig.)(Ternana); Tulli (Triestina); B.Carbone, Schwoch (1 rig.) (Vicenza).
2 RETI: Joelson (Albinoleffe); Bernardini, Defendi, Lazzari (Atalanta); Carrozzieri, Raimondi, Confalone (Arezzo); Carrus (2 rig.), Pagano (Bari); Della Rocca, Pecchia, Vignaroli (Bologna); Mareco (Brescia); Cesar, Del Core, Russo (Catania); Piccoli (1 rig.)(Cesena); Garzon, Marchesetti, Prisciandaro (Cremonese); Konko, Ferrari, Sedivec (Crotone); Cioffi, Sommese (Mantova); Tisci (Modena); Croce (Pescara); Campagnaro, Margiotta, Olivi (Piacenza), Floccari, Moscardelli (Rimini); Di Deo (Ternana); Rosina (1 rig.) (Torino); Baù, Di Venanzio (Triestina); Gervasoni, Munari, Turati, Rantier, Sforzini (Verona); Fabbrini (Vicenza).
1 RETE: Berlinghieri, Regonesi, Minelli, Gori (Albinoleffe); Antonini, Roselli (Arezzo); Ariatti, D'Agostino, Marcolini, Migliaccio, Rivalta, Terra (Atalanta); Biancolino, Leon
(1 rig), Masiello, Millesi, Panarelli, Rastelli (Avellino); Bellavista, Gazzi, Anaclerio L., Anaclerio M., Maah (Bari); Amoroso, Capuano, Cipriani, Loviso (1 rig.)(Bologna); Mannini, Strada, Zoboli, Delnero (Brescia); De Zerbi, Brevi, Silvestri, Sottil (Catania); Miceli, Russo (Catanzaro); Biserni, Bracaletti, Fattori, Ficagna, Mengoni, Pestrin (Cesena); Job, Manucci (Cremonese); Borghetti, Galardo, Scarlato, F. Rossi, Russo, Tarantino (Crotone); Argilli, Colacone, Giampaolo, Graffiedi (Modena); Delli Carri, Gautieri, Tognozzi (Pescara); Miglionico, Patrascu, Riccio, Stamilla (Piacenza); Baccin, Caracciolo, Cascione, D'Angelo (1 rig), Trotta, (Rimini); Dionigi, Fanasca, Fattori (Ternana); Longo, De Sousa (Torino); Galasso; Kyriazis, Pianu, Rigoni, Esposito (Triestina); Italiano, Pulzetti (Verona); Martinelli, Cherubini, Drascek, Vitiello (Vicenza).
1 AUTORETE: Garlini (Albinoleffe pro Catania); Zoppetti (Pescara pro Bologna), Pesaresi (Pescara pro Catanzaro); Campagnaro (Piacenza pro Triestina); Mezzano (Bologna pro Crotone); Drascek (Vicenza pro Catania).

PROSSIMO TURNO
22ª GIORNATA - 7/1 - ORE 16

Atalanta - Cesena
Avellino - Verona
Bologna - Triestina
Catania - Piacenza
Cremonese - Brescia
Crotone - Arezzo
Mantova - Modena
Rimini - Albinoleffe
Ternana - Bari
Torino - Pescara
Vicenza - Catanzaro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione