Cerca

Caricola: chiedo scusa ai tifosi di Polignano

di Orazio Petruzzi
MOLA DI BARI - Il clima natalizio ha placato i bollenti spiriti post derby: mister Caricola non ci sta a passare per la vittima sacrificale. «Chiedo scusa - dice - per il mio brutto gesto alla gente civile di Polignano, a quella che non mi ha sputato e bestemmiato. Capisco l’adrenalina da derby dei tifosi, dirigenti e giocatori, io ho resistito dal riscaldamento sino a 12’ dal termine. Certo se non avessi reagito sarebbe stato meglio. Ma sbagliando si impara. Complimenti ai ragazzi che hanno vinto con pieno merito. Fiero di allenare questo gruppo e rappresentare Mola che ho nel mio cuore»
Caricola: chiedo scusa ai tifosi di Polignano
di Orazio Petruzzi

MOLA DI BARI -
Il clima natalizio ha placato i bollenti spiriti post derby: mister Caricola non ci sta a passare per la vittima sacrificale. «Chiedo scusa - dice - per il mio brutto gesto alla gente civile di Polignano, a quella che non mi ha sputato e bestemmiato. Capisco l’adrenalina da derby dei tifosi, dirigenti e giocatori, io ho resistito dal riscaldamento sino a 12’ dal termine. Certo se non avessi reagito sarebbe stato meglio. Ma sbagliando si impara. Complimenti ai ragazzi che hanno vinto con pieno merito. Fiero di allenare questo gruppo e rappresentare Mola che ho nel mio cuore». Sulla prestazione: «Ho visto un grande Mola che non ha rischiato niente, dominando l’avversario e sprecando cinque limpide occasioni. Petruzzelli ha fatto solo una grossa parata e ottime uscite. Ma lasciatemi elogiare Millan, che si è sacrificato nel ruolo di difensore».
Le geometrie e il ritmo di Giulio Mastrolonardo hanno cambiato volto al Mola che ora ha un’identità di gioco definita. Dopo la pausa, arriva il Terlizzi, società di cui Caricola ha scritto la storia. Una gara che per l’ambiente vale quanto il derby per mille motivi. Bissare l’impresa di Polignano, equivarrebbe a mettere nel mirino il quinto posto e con Giacco gol tutto può ancora succedere. Quello del Mola è anche un gruppo dall’elevato spessore culturale: la coppia centrale Rizzi e Fumai è da anni laureata. Il barlettano Rizzi è un ingegnere che si muove anche in ambito assicurativo; il dottor Nicola Fumai, laurea in scienze politiche, è anche un consulente mutui, oltre che amministratori di immobili condominiali. Per non parlare di Antonio Renna, riserva difensiva, laureando in giurisprudenza, che la settimana scorsa col massimo dei voti, ha conseguito il patentino d’allenatore, facendo le veci di Caricola negli ultimi 10’ del derby.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400