Cerca

Calcio - Il Lecce a Treviso per fare il bis

Dopo la vittoria di Udine, che ha spezzato la serie di sconfitte in trasferta, la squadra di Baldini ha trascorso l'intera settimana nel ritiro di Pieve Soligo in attesa dell'anticipo pomeridiano di sabato (ore 18). Torna disponibile Pinardi, ma il tecnico potrebbe confermare la formazione del Friuli
LECCE - Dopo la vittoria di Udine che ha spezzato una interminabile serie di sconfitte in trasferta il Lecce ha trascorso l'intera settimana nel ritiro di Pieve Soligo, in attesa dell'anticipo di domani pomeriggio (ore 18) sul campo del Treviso, avversario diretto dei giallorossi nella lotta per la salvezza.
Baldini non ne fa un mistero e, considerato che la sua squadra da alcune settimane appare rinfrancata, sta meditando l'ipotesi di un en plein che permetterebbe al Lecce di assestarsi in una zona media della classifica. Analizzando le ultime prove della squadra il tecnico mostra di puntare seriamente a incamerare punti preziosi: «Praticamente - dice - è da oltre un mese che ci stiamo esprimendo ad alti livelli perché la sconfitta di Milano rappresenta una vittoria morale per il modo e i tempi con cui l'abbiamo subita. Vi è stato poi il successo sul Siena e quindi la bella rimonta con la Roma. Domenica scorsa abbiamo avuto una conferma vincendo a Udine. Su questo slancio sarebbe davvero bello poter proseguire».
Sulla formazione che manderà in campo non vi sono anticipazioni ma il tecnico sembra orientato a dare fiducia a quella che ha vinto al Friuli. Tornerà disponibile anche Pinardi che ha scontato un turno di squalifica, per cui a centro campo Baldini dovrà scegliere tre uomini su cinque disponibili (Camorani, Del Vecchio, Marianini, Ledesma e Pinardi). L'unico dubbio sembra riguardare Ledesma rimasto in panchina domenica scorsa. Si tratta di vedere se il tecnico lo farà giocare dall'inizio. Per il resto la difesa con Cassetti, Stovini, Diamoutene e Rullo si sta comportando bene e l'attacco con Konan, Valdes e Vucinic, ha trovato i giusti equilibri.
Di certo quella di domani è una partita delicata, un confronto diretto tra due formazioni che cercano tranquillità, e per questa ragione Baldini si affiderà soprattutto ai giocatori più esperti perché tengano i nervi saldi contro un avversario che l'ex tecnico giallorosso Cavasin cercherà di motivare al massimo.
«Sappiamo - dice Stovini - qual è la carica agonistica che l'allenatore del Treviso inculca ai suoi uomini ma proprio per questo dovremo mantenere molta calma sperando che l'eccessiva foga possa tradire i nostri avversari. Noi siamo ben motivati e sappiamo di poter affrontare questa delicata trasferta puntando al massimo».
Anche Cassetti, un altro veterano, suona la carica «Il peggio è passato come dimostrano le nostre ultime prestazioni. E' chiaro però che contro un avversario diretto dobbiamo stringere ancor più i denti perché un eventuale successo varrebbe doppio».
Cavasin non è d'accordo. «Non siamo all'ultimo mese di campionato e per noi ogni avversario vale l'altro, quindi il Lecce lo consideriamo come la Juventus -afferma -. Chiaro che essendo ultimi puntiamo a fare i tre punti ma non sono ancora arrivate le gare all'ultima spiaggia». Sulla squadra poche certezze. Viali e Valdez sono sicuramente indisponibili, Reginaldo in settimana si è allenato poco ma potrebbe far coppia con Fava, a centrocampo, con Gallo in partenza per il Genoa, è un rebus tutto da decifrare.
Probabile formazione (4-4-2): Zancopè; Dellafiore, Cottafava, Gustavo, Giuliatto; A.Filippini, Parravicini, E. Filippini, Dossena; Fava, Reginaldo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400