Cerca

Cras, vittoria liberatoria aspettando l’anno nuovo

di Angelo Loreto
La GoldBet vince una partita dura e difficile, che però è inutile ai fini della qualificazione alla final four di Coppa Italia, dove ci va infatti Umbertide, che annienta in casa Cagliari (80-53). Taranto batte Lucca secondo e chiude al quinto posto il girone di andata ma lo fa dando un importante segnale di forza a cominciare da una partenza decisa che dopo il canestro iniziale dell’ex Gianolla vede una tripla con Cohen e poi con i punti delle «lunghe» Petronyte e Giauro per il 7-4 al 2’. Lucca però reagisce da grande squadra, piazzando con Peters, Spreafico e Ruzickova un filotto di 8-0 per il 7-12 al 5’
Cras, vittoria liberatoria aspettando l’anno nuovo
di Angelo Loreto
 
La GoldBet vince una partita dura e difficile, che però è inutile ai fini della qualificazione alla final four di Coppa Italia, dove ci va infatti Umbertide, che annienta in casa Cagliari (80-53). Taranto batte Lucca secondo e chiude al quinto posto il girone di andata ma lo fa dando un importante segnale di forza a cominciare da una partenza decisa che dopo il canestro iniziale dell’ex Gianolla vede una tripla con Cohen e poi con i punti delle «lunghe» Petronyte e Giauro per il 7-4 al 2’. Lucca però reagisce da grande squadra, piazzando con Peters, Spreafico e Ruzickova un filotto di 8-0 per il 7-12 al 5’.
Ricchini chiama time-out e riordina la difesa che riesce a frenare l’attacco toscano mentre Mahoney a Antibe vanno a canestro fino al pareggio 16-16 da 3 di Cohen e al sorpasso di Mahoney sulla sirena.Il buon momento delle rossoblù prosegue in avvio di seconda frazione con Antibe e Wabara che sfruttano una buona circolazione di palla per il 22-16, annullato però da Andrade e da una tripla di Spreafico per il sorpasso (22-23) al 13’. Il match non è bellissimo ma molto equilibrato. Una parte importante la ha la difesa del Cras che cresce col passare dei minuti concedendo solo 4 punti in 4 minuti a Lucca, mentre 5 punti ravvicinati di Gatti fanno 29-25 al 17’, quando avviene l’esordio di Crippa. Ma di nuovo la squadra di Diamanti si riavvicina con Peters e Ruzickova e all’intervallo è parità assoluta.
Si segna poco anche al ritorno in campo dopo la pausa, ma la gara si anima al 24’ quando gli arbitri fischiano un tecnico a Ricchini per proteste per un presunto fallo in attacco di Andrade. Lucca si riporta avanti 33-37, ma la GoldBet rientra e con Mahoney al 26’ passa avanti 38-37. E, in una gara che sembra sempre più una partita a scacchi, chiude con Antibe e Siccardi sul +3 al 30’. Ultimo parziale che si apre con due falli in attacco di fila di Wabara e 4-0 di Lucca per il 42-43, seguito dal 44-43 di Antibe che un minuto dopo si inventa la tripla del 47-43. Per due volte al 36’ il Cras ha la palla per allungare ma una volta la perde con Antibe e un’altra Mahoney sbaglia la tripla del +7. Dotto allora fa -1 ai liberi al 37’ (49-48) ma sull’azione successiva Cohen colpisce da 3 (52-48).
È un finale bollente: Giauro fa 54-50, Spreafico a 1’ dalla fine perde un pallone importantissimo, ricambiato da Cohen dopo che Giauro da sotto sbaglia il canestro del +6. Antibe, a 29 secondi dalla fine, recupera un pallone che vale oro e che permette a Gatti di segnare il libero del 55-50 a 26 secondi dalla fine: per Lucca è la resa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400