Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 17:10

Città S.Angelo stravince ma a testa alta i baby del Putignano

di Tiziano Angelini
Nella nona di serie A, il Putignano cede il passo anche all’Acquaesapone Città Sant'Angelo, con un 2-13 che non fa notizia. Tutto troppo facile da prevedere, dopo la decisione di finire il campionato con la formazione Under 21. Della gara, però, non restano solo le cifre fin troppo ingenerose: resta il luccichio del cuore di un manipolo di ragazzini sballottati in sette giorni dalla normalità dei tornei giovanili al rodeo della massima serie
Città S.Angelo stravince ma a testa alta i baby del Putignano
di Tiziano Angelini

Nella nona di serie A, il Putignano cede il passo anche all’Acquaesapone Città Sant'Angelo, con un 2-13 che non fa notizia. Tutto troppo facile da prevedere, dopo la decisione di finire il campionato con la formazione Under 21. Della gara, però, non restano solo le cifre fin troppo ingenerose: resta il luccichio del cuore di un manipolo di ragazzini sballottati in sette giorni dalla normalità dei tornei giovanili al rodeo della massima serie.
Guidati da mister Giannandrea, i rossoblù giocano tre quarti di primo tempo in maniera incredibile: al primo affondo si vedono negare un rigore, subiscono gol su una punizione inesistente, poi sullo 0-2 segnano un gran gol con Sportelli e sfiorano il pareggio. Il crollo, fisiologico, arriva negli ultimi tre minuti della prima frazione, quando gambe e polmoni vanno in riserva e si arriva all’1-5.
Nella ripresa, nel diluvio dell’Acquaesapone, la gioia del primo gol in A di Gigante.
In A2, troppo forte il Martina per il Modugno (in gol Thiarley e Canavese), superato 8-2 in casa. Niente di grave: che i punti-salvezza andassero reperiti altrove era chiaro sin dalla vigilia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione