Cerca

La Champions sorride al Salento

di Antonio Calò
Valeria Caracuta (Unendo Yamamay Busto Arsizio), Massimo Colaci (Itas Diatec Trentino) e Daniele De Pandis (Bre Banca Lannutti Cuneo) continuano a tenere alto il vessillo del movimento pallavolistico salentino nel volley che conta. I tre atleti hanno già conquistato la qualificazione anticipata alla fase-2 della Champions Leauge, sono in alto in campionato e tra dicembre e gennaio si giocheranno la conquista della Coppa Italia. Il tutto, senza dimenticare che Caracuta, con Busto Arsizio, ha già vinto la supercoppa italiana, mentre Colaci, con Trento, ha primeggiato nel mondiale per club.
La Champions sorride al Salento
di Antonio Calò 

Valeria Caracuta (Unendo Yamamay Busto Arsizio), Massimo Colaci (Itas Diatec Trentino) e Daniele De Pandis (Bre Banca Lannutti Cuneo) continuano a tenere alto il vessillo del movimento pallavolistico salentino nel volley che conta. I tre atleti hanno già conquistato la qualificazione anticipata alla fase-2 della Champions Leauge, sono in alto in campionato e tra dicembre e gennaio si giocheranno la conquista della Coppa Italia. Il tutto, senza dimenticare che Caracuta, con Busto Arsizio, ha già vinto la supercoppa italiana, mentre Colaci, con Trento, ha primeggiato nel mondiale per club. 

CARACUTA – Il coach Carlo Parisi le sta dando spesso spazio al posto della statunitense Carli Lloyd e Valeria lo sta ripagando con delle buone prestazioni. La regista di Lecce sta disputando la sua prima Champions ed è già certa di proseguire il cammino. Per garantirsi la qualificazione, l’Unendo Yamamay aveva la necessità di vincere due set sul difficile campo del Galatasaray Istambul, autentica multinazionale, forte delle azzurre Simona Gioli ed Emanuela Lo Bianco ed allenata dal tecnico italiano Massimo Barbolini. Ebbene Busto Arsizio ha raggiunto il proprio scopo ed ha poi ceduto al tie-break, con Caracuta protagonista soprattutto nel quarto set. 
Con la propria compagine, la palleggiatrice di Lecce è al comando della classifica della serie A-1 donne, con 16 lunghezze all’attivo, a +1 su Bergamo e Piacenza, ed ha in tasca il pass per la finale a otto della Coppa Italia in programma a gennaio. 

COLACI – L’ugentino è un punto fermo della “corazzata” Itas Diatec Trentino quale libero. Il tecnico bulgaro Radostin Stoytchev lo utilizza stabilmente nella fase difensiva e lui si comporta alla grande.
Il sodalizio presieduto da Diego Mosna ha vinto tutti i match disputati in Champions ed è quindi certo del primo posto nel proprio girone, quando manca una sola partita al termine della prima fase. In settimana, Trento ha “asfaltato” il Tours, balzando a quota 15 in graduatoria, a +6 sul Zaksa Kedzierzyn-Kozle. Nella prossima giornata se la vedrà con il Crvena Zuezda Beograd. 
In campionato, con l’Itas Diatec, Colaci è in vetta a quota 23, con otto successi ed una sola sconfitta, ed a fine mese sarà in lizza per la Coppa Italia. 

DE PANDIS – E’ alla sua prima annata con Cuneo ed alla sua prima esperienza in Champions League, torneo nel quale il suo complesso è al vertice della classifica del girone, con sole vittorie all’attivo e la certezza di andare avanti da primo in classifica.
Nella quinta giornata il libero De Pandis, che è di Lecce, ha contribuito all’affermazione della Bre Banca Lannutti sul terreno dell’Aragao De Sete, grazie alla quale Cuneo si è proiettato a quota 15, a +6 sui polacchi dell’Asseco Resovia Rzeszow.
In campionato La Bre Banca Lannutti è terza con 18 lunghezze ed è qualificata alla finale a otto di Coppa Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400