Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 16:45

La Gp Modugno domina nel trofeo «Santa Claus» conquistate 89 medaglie

di Patrizia Nettis
Un bottino di 89 medaglie, un record italiano battuto, sette miglior tempi regionali infranti e il primo posto nel trofeo nazionale «Santa Claus». La Gp Modugno si è tuffata nel modo giusto nella stagione master 2012-2013. Nella gara di casa che domenica ha aperto l’anno pugliese, la squadra allenata da Gigi Cagnetta ha confermato di essere ancora una volta la migliore. Tra i master, gli amatori del nuoto da 25 anni in su, Modugno domina. Al «Santa Claus» la squadra ha schierato sui blocchi 105 atleti portando a casa 38 ori, 27 argenti e 24 bronzi. Un successo.
La Gp Modugno domina nel trofeo «Santa Claus» conquistate 89 medaglie
di Patrizia Nettis 

Un bottino di 89 medaglie, un record italiano battuto, sette miglior tempi regionali infranti e il primo posto nel trofeo nazionale «Santa Claus».
La Gp Modugno si è tuffata nel modo giusto nella stagione master 2012-2013. Nella gara di casa che domenica ha aperto l’anno pugliese, la squadra allenata da Gigi Cagnetta ha confermato di essere ancora una volta la migliore. Tra i master, gli amatori del nuoto da 25 anni in su, Modugno domina. Al «Santa Claus» la squadra ha schierato sui blocchi 105 atleti portando a casa 38 ori, 27 argenti e 24 bronzi. Un successo.
Senza contare il record italiano dell’ex agonista Alessia Virgilio, che ha abbassato di circa tre secondi il tempo sui 400 misti, inviolato dal 2008. Il record (5’12’’05) però non potrà essere omologato perché la Virgilio è ancora 24enne. Dovrà rifarlo nel 2013, ma si tratta di una formalità.
«Ci siamo fatti trovare pronti - dice Gigi Cagnetta - il Santa Claus è sempre uno degli obiettivi che ci poniamo e l’abbiamo centrato».
L’altro è ambizioso: vincere i campionati italiani. Quest’anno ai tricolori di Bari la Gp Modugno è arrivata quinta, prima società pugliese.
Ma il sogno di Cagnetta è portare la sua squadra sul gradino più alto: «Non sappiamo se potremo conquistarlo nell’immediato, ma la consapevolezza di poterci arrivare c’è già».
Ci vorrebbe magari uno sponsor per sostenere la trasferta di tutti gli atleti a Pescara, dove si svolgeranno i tricolori.La forza di Modugno non è solo nei numeri, ma in una squadra che riesce a fare gruppo pur essendo eterogenea. Il nucleo centrale è quello che si allena nelle comunali ma la squadra comprende anche un gruppo di Corato e di Gioia del Colle per un totale di circa 120 master.
Qual è il segreto per gestire tanti atleti diversi? «Innanzitutto l’organizzazione societaria - risponde Cagnetta - il nostro presidente Vittorio Scagliarini è stato lungimirante. Ha capito che il gruppo master può essere la locomotiva che traina una società e ha puntato sul settore».
La differenza la fa la qualità tecnica. Cagnetta è una garanzia in questo senso. Una vita a bordo vasca, un maestro nel mondo del nuoto. «Il nostro collante è l’amicizia – dice il tecnico - insieme si può crescere nella condivisione dei valori puntando in alto». Le avversarie sono avvisate. Il «Santa Claus» è solo il primo traguardo. Quest’anno la manifestazione ha sfiorato gli 800 iscritti portando in vasca 47 società. Un record.
Tra loro anche l’atleta russa Elena Fadeeva. Fervente devota di padre Pio e San Nicola la giovane ha approfittato della gara per visitare i luoghi religiosi. Miracoli della fede in una passione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione