Cerca

Angelozzi nuovo direttore sportivo dei giallorossi

Affiancherà Carlo Regalia, che è responsabile dell'area tecnica del Lecce. Guido Angelozzi, 54 anni, già direttore sportivo di Andria, Reggiana, Catania e Perugia, è stato presentato ai giornalisti dall'amministrazione delegato, Claudio Fenucci
LECCE - Guido Angelozzi è il nuovo direttore sportivo del Lecce. Affiancherà Carlo Regalia, che è responsabile dell'area tecnica. Angelozzi, 54 anni, già direttore sportivo di Andria, Reggiana, Catania e Perugia, è stato subito presentato ai giornalisti dall'amministrazione delegato, Claudio Fenucci.
«Per me si tratta di una grande opportunità - ha detto Angelozzi-. Sono felice di poter collaborare con una società seria ed importante come quella leccese». Claudio Fenucci ha evidenziato che «la figura professionale di un direttore sportivo che supportasse il direttore dell'area tecnica era prevista già all'arrivo di Carlo Regalia. Le vicende a tutti note hanno differito la individuazione e ingaggio della persona che potesse ricoprire questo incarico che oggi viene affidato a Guido Angelozzi».
L'amministratore delegato del Lecce ha proseguito affermando che «già in passato, con Corvino, avevamo pensato che potesse tornare utile un allargamento della struttura tecnica compatibile con le necessità del calcio oggi che richiedono una presenza costante di un uomo di campo accanto al tecnico e alla squadra e, contemporaneamente, grande attenzione alle vicende del mercato. Abbiamo, di concerto con il direttore Regalia, individuato in Angelozzi la persona giusta per la sua lunga esperienza maturata anche in situazioni critiche».
Il direttore dell'area tecnica Regalia ha aggiunto: «Abbiamo pensato ad Angelozzi perhcé persona esperta che può certamente assolvere al compito che gli abbiamo affidato: essere a disposizione di tecnico e squadra in questo momento in cui s forte, da parte del gruppo, il bisogno di una presenza costante della Società con un uomo di campo». «Per il momento sarà questo il suo ruolo, ma già si penserà al da farsi in vista del momento più importante, quello della programmazione per il prossimo campionato, per il quale si deve lavorare già da ora. Sono molto soddisfatto di questa scelta, perché è una persona seria, molto preparata. Anche per lui, come per me e per il tecnico, il contratto è biennale, sino al giugno del 2007».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400