Cerca

Il Circolo della Vela esagera e monopolizza il podio

Contro ogni previsione, alla fine Eolo ha iniziato a soffiare sul campo di regata del XIV campionato invernale di vela d’altura e le 33 imbarcazioni iscritte alla seconda giornata del XXV trofeo Cristoforo Bottiglieri hanno disputato non una, ma ben due regate per aggiudicarsi il titolo. Alla fine, dopo due prove, nella categoria altura overall il podio è tutto del Circolo della Vela di Bari con «Larouge» di Davide Degennaro al primo posto, seguita da «Scricca» di Gianfranco Cioce e da «Exprivia Luduan» di Giovanni Sylos Labini
Il Circolo della Vela esagera e monopolizza il podio
Contro ogni previsione, alla fine Eolo ha iniziato a soffiare sul campo di regata del XIV campionato invernale di vela d’altura e le 33 imbarcazioni iscritte alla seconda giornata del XXV trofeo Cristoforo Bottiglieri hanno disputato non una, ma ben due regate per aggiudicarsi il titolo. 

Alla fine, dopo due prove, nella categoria altura overall il podio è tutto del Circolo della Vela di Bari con «Larouge» di Davide Degennaro al primo posto, seguita da «Scricca» di Gianfranco Cioce e da «Exprivia Luduan» di Giovanni Sylos Labini. Tra i minialtura, invece, sempre nella classifica overall il primo posto è andato a «Euz II - Monella Vagabonda» di Francesco Lanera (LniI Monopoli) con a bordo un timoniere d'eccezione come Roberto Ferrarese (Cv Bari). Al secondo posto si è piazzata «Yellow Bee» di Andrea Algardi (Barion) e al terzo «Antonella» di Lino Lattanzi (Cus Bari). 

Gli equipaggi si son dati battaglia con un vento da nord (tramontana) che ha soffiato tra i 4 e 6 nodi di intensità, affrontando prima un percorso a triangolo a boe fisse, ridotto al secondo giro per complessive miglia marine di 7,55 e poi un percorso a bastone, anch’esso ridotto dopo 3 lati. 

Andando ad analizzare le due classi overall nello specifico per le classifiche di categoria, per l’altura le imbarcazioni sono divise in tre sottoclassi: crociera e crociera/regata con GPH meno di 600 e più di 600. Per la classifica crociera il primo posto è andato a «Seathink 4.7.7» di Alberto Longo (Cv Bari) con Giorgio Pantzartzis (Cv Bari) al timone; il secondo è stato conquistato da «Soft» di Graziano Giobbe (Lni Trani) e il terzo da «Grace II» di Nicola Turi (Cus Bari) con Giuseppe Russo (CV Bari) al timone. 

Per la classifica crociera/regata Gph meno di 600 al primo posto troviamo «Larouge», al secondo «Exprivia Luduan» e al terzo «Showville Elettra 2» di Andrea Bison (Cus Bari) con Mario Zaetta (Lni Bari) al timone. Per la classifica crociera/regata Gph più di 600, invece, al primo posto c’è «Scricca», seguita da «Morgan IV» di Nicola De Gemmis (Barion) con al timone Giuseppe Miglietta (L’Approdo), e «X Blu» di Giuseppe Ciaravolo (Cus Bari). 

Nella classe minialtura oltre alla classifica overall c’è quella dedicata ai Surprise che vede «Gamberetto» di Alberto Lorusso (Costa del Sole) al primo posto, seguito da «Sciocchezza» di Alfieri, Damiani e Prota (Lni Bari) con Dario Damiani al timone e da «Mare Luna» di Pasquale Rossiello (Cv Giovinazzo) con alla guida Thomas Bellifemine (Lni Bari). 

L’appuntamento per tutti adesso è il 3 dicembre alle ore 20 nella sede del Circolo della vela del molo Borbonico per la cerimonia di premiazione del Bottiglieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400