Mercoledì 15 Agosto 2018 | 05:33

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Calcio / Serie B - A Pescara il Bari è stato sconfitto con un gol di Matteini

• Tutti i risultati della 17ª giornata del campionato • La classifica
• La partita sospesa per 4 minuti
Calcio - Matteini del Pescara PESCARA-BARI 1-0 (0-0)

• PESCARA (4-2-3-1): Avramov ; Zoppetti, Gonnella, Delli Carri, Pesaresi; Luisi, Tognozzi; Vigna (38 st Gautieri), Bonfiglio (15 pt Matteini), Jadid; Cammarata (29 st Croce). (1 Tardioli, 5 Minopoli, 6 Pomante, 16 Aquilanti). All. Sarri

• BARI (4-4-2): Gillet; Brioschi, Esposito, Micolucci, Anaclerio M.(31 st Maah); La Vista, Bellavista, Gazzi, Pagano (21 st Anaclerio L.); Santoruvo, Vantaggiato (41 st Berardi). (22 Spadavecchia, 8 Rajcic, 28 Candrina, 31 Mora). All. Carboni Arbitro: M. Mazzoleni di Bergamo Reti: st 33 Matteini, . Angoli: 4-1 per il Pescara. Recupero: pt 3 , st 5.

• Ammoniti: Vantaggiato per simulazione, Anaclerio L. e Brioschi per gioco falloso.
• Espulsi: al 44° del secondo tempo espulso Brioschi per fallo a gioco fermo.

• Note: al 27° del primo tempo partita sospesa per 4 minuti a causa di lancio di lacrimogeni da parte delle forze dell'ordine nel corso di scontri tra opposte tifoserie all'esterno dello stadio, fumo poi riversatosi sul terreno di gioco. Spettatori 4.500 circa.

ROMA - Sale a 6 la serie positiva della squadra abruzzese (4 vittorie e 2 pareggi) che batte con il minimo scarto il Bari in una gara caratterizzata anche da incidenti verificatisi fuori lo stadio tra le forze dell'ordine e i sostenitori del pugliesi.
In copertina ancora una volta Matteini, arrivato al 9° centro stagionale, che quando la gara sembrava essere incanalata sul risultato di parità ha trovato lo spunto vincente. Gara comunque equilibrata che ha visto il Bari controllare con sicurezza la prima frazione ma di contro scendere di tono nel secondo tempo, lasciando la scena alle offensive del Pescara. In partenza Carboni deve fare i conti con la sua infermeria: Carrus, Goretti, Scaglia e Sibilano fuori per infortunio.
Al contrario Sarri ha l'imbarazzo della scelta: abbondanza che fa almeno inizialmente una vittima illustre, Matteini, capocannoniere della squadra con 8 reti. La sua panchina durerà però solo 15 minuti: i problemi muscolari di Bonfiglio lo proietteranno subito in campo. Partita tattica fin dal principio con il Pescara che al 2 ci provava in successione con Jadid e Cammarata, conclusioni respinte dalla difesa pugliese.
La risposta del Bari a firma di La Vista (7') che da buona posizione concludeva centralmente. Poi l'attenzione della gara si spostava all esterno dello stadio con gli scontri tra forze dell'ordine e i tifosi del Bari, 150 dei quali, sprovvisti di biglietto, hanno cercato di forzare l'ingresso della Curva Sud. Ne scaturivano scontri e lancio di lacrimogeni. L'arbitro Mazzoleni con il fumo dei lacrimogeni che intanto si era spostato sul terreno di gioco, decideva per l'interruzione della gara (27°) per 4 minuti. Dopo la sospensione però la gara scendeva di ritmo e il solo Jadid ci provava pericolosamente con due conclusioni dal limite entrambe terminate di poco a lato.
Nella ripresa il primo acuto è del Pescara: Matteini lanciato da Luisi si presentava a tu per tu con Gillet, ma il portiere belga compieva il miracolo mandando in angolo (9°). Il Bari si faceva vedere dalle parti di Avramov con Vantaggiato che però concludeva debolmente su perfetto cross di La Vista (20°). Ancora Pescara: Zoppetti dalla destra Jadid e Matteini mancano la conclusione da pochi passi (32°). E il preludio al gol: Gonnella recupera palla e lancia Matteini in profondità, la linea difensiva barese è in ritardo, Gillet in uscita è infilato dal diagonale dell'attaccante biancazzurro (33°).
Ancora Matteini, tre minuti dopo sfiora il raddoppio, Gillet è strepitoso e dà ancora vita al match. Ma Il Bari, ridotto in 10 per l'espulsione di Brioschi (manata a gioco fermo su Matteini) nelle fasi di recupero non aveva più la forza di reagire e la gara si chiudeva tra il tripudio dello stadio Adriatico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 
Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 16 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS